| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Stop wasting time looking for files and revisions. Connect your Gmail, DriveDropbox, and Slack accounts and in less than 2 minutes, Dokkio will automatically organize all your file attachments. Learn more and claim your free account.

View
 

22 Giuramenti e voti legittimi

Page history last edited by Paolo E. Castellina 1 year, 3 months ago

Indice - 21. Il culto religioso e il Sabato - 23. Il magistrato civile

 

Capitolo 22: Giuramenti e voti legittimi

 

1. Vi è legittimazione scritturale del giuramento fatto con mano alzata. I cristiani devono evitare ogni usanza superstiziosa o pagana riguardante i giuramenti. [Ebrei 6:16-18; Genesi 14:22; Deuteronomio 10:20; Esodo 6:8; Apocalisse 10:5-6].

2. I testi biblici che proibiscono i giuramenti devono essere compresi in riferimento ai giuramenti profani, oppure l'uso del giuramento per ingannare o per evitare di compiere i propri doveri. [Matteo 5:33-37; Giacomo 5:12; Marco 7:6-13].

3. Chi amministra un giuramento, sia civile che ecclesiastico, è tenuto a spiegare il significato del giuramento, ed amministrarlo con dovuta solennità. Il benessere degli individui e della società esige che l'amministratore di un giuramento conosca e tema Dio e comprenda la sua natura. I giuramenti devono essere amministrati solo a chi ne comprende il significato. [Ecclesiaste 9:2; Deuteronomio 6:13; Giosuè 9:15,19; 2 Samuele 21:1-14].

4. Un giuramento è un atto di conferma che invoca Dio a testimoniare dell'esecuzione di una promessa. Un giuramento può confermare un voto o un patto. [Numeri 30:1-4; Salmi 132:2-5; Giosuè 9:16-27; 2 Cronache 15:12-15].

5. Un voto nella Scrittura è un atto di consacrazione volontaria a Dio della propria persona, beni o servizio. Un voto è di solito fatto da un individuo. [Levitico 27; Numeri 6; Deuteronomio 23:21-23; Numeri 21:2; Nahum 1:15].

6. Sebbene sia talvolta difficile fare una distinzione fra l'uso che la Scrittura fa di "voto" e di "patto", un patto che uomini fanno con Dio differisce da un voto nel fatto che si tratta di un atto collettivo attraverso il quale si promette ubbidienza a ciò che Dio ha comandato nel Suo Patto [Genesi 28:20-22; Numeri 21:2; Deuteronomio 23:21-23; Giosuà 24:24-25; 2 Cronache 34:29-32].

7. Dio ha stabilito due patti con le creature umane: il Patto d'Opere ed il Patto di Grazia (vedasi cap. 7). Nel realizzare il Patto di Grazia Dio ha stipulato dei patti con Noè, Abraamo, Israele al Sinai (rinnovato nella pianura di Moab), e con Davide; essi sono stati adempiuti nel nuovo Patto da Gesù Cristo. [Genesi 2:17; 9:1-17; Esodo 24:3-11; Deuteronomio 29-30; 2 Samuele 7:5-16; Geremia 31:31-33].

8. I patti di Dio esigono ubbidienza da parte di tutti sia che ne riconoscano gli obblighi oppure no. Il popolo di Dio, individualmente e collettivamente, risponde ai Suoi patti promettendo solennemente di essere del Signore e di osservare i Suoi comandamenti. I Sacramenti dell'Antico Testamento, come la Circoncisione, la Pasqua e la Festa delle Capanne, erano mezzi per aderire e periodicamente rinnovare il patto di Israele. Allo stesso modo, i Sacramenti del Nuovo Testamento sono ordinanze per aderire e rinnovare l'unione di patto con Dio, UIn aggiunta a questi tempi stabiliti di celebrazioni del patto, il popolo di Dio sotto l'Antico Testamento eseguiva atti collettivi di ravvedimento e rinnovo in rapporto a trasgressioni di comandamenti specifici oppure di generale apostasia da Dio. La Scrittura chiama questi atti "patti". [Genesi 17:10; Levitico 23:3-10; Giovanni 19:36; 1 Corinzi 5:7-8; Matteo 26:26-29;; 1 Corinzi 11:23.26; Giosuè 24:24-25; 2 Cronache 15:2, 8-15; 2 Cronache 23:16; 34:29-32; Neemia 9-10].

9. Nel Nuovo Testamento la stipula di patti prende la forma di confessare Cristo e la Sua Signoria. Sulla base dell'enfasi costante del rapporto di Dio con l'uomo sulla base di un patto nel Nuovo Testamento, è appropriato per chiese e nazioni promettere solennemente di appartenere al Signore e di servirlo. Le dichiarazioni o documenti prodotti in questi atti promissori di risposta al patto, dipendono dal Patto di Grazia. Esse sono dichiarazioni di responsabilità che sorgono dall'applicazione della Parola di Dio ai tempi in cui sono fatte. Tali patti hanno validità permanente nella misura in cui danno vera espressione alla Parola di Dio per i tempi e le situazioni in cui vivono i credenti. [Isaia 45:23; Romani 14:11; Filippesi 2:11; Geremia 31:31; Ebrei 8:6-13; Esodo 19:5-6; 1 Pietro 2:9-10].

 

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.