| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Stop wasting time looking for files and revisions. Connect your Gmail, DriveDropbox, and Slack accounts and in less than 2 minutes, Dokkio will automatically organize all your file attachments. Learn more and claim your free account.

View
 

Chi è il mio prossimo

Page history last edited by Paolo E. Castellina 10 months, 3 weeks ago

Domanda: "Chi è il mio prossimo, biblicamente parlando?"

 

Il concetto cristiano di "amore per il prossimo" è spesso oggi strumentalizzato da chi, anche nelle chiese cristiane, segue le ideologie oggi correnti, e vorrebbe "sdoganare" (e far passare come atteggiamenti cristiani) questioni come, ad esempio, l'indiscriminata accoglienza dei migranti clandestini e l'abbattimento delle frontiere nazionali e della legalità, come pure l'indiscriminata accoglienza di persone dalla sessualità pervertita. Certe discriminazioni, però, sono del tutto legittime e bibliche. L'amore cristiano autentico non va mai disgiunto del buon senso e dal rispetto di tutta la legge morale rivelata da Dio, ed è spesso condizionato. Con un non meglio qualificato "amore" oggi si tende a giustificare qualunque cosa: l'amore va definito e valutato nell'ambito dell'intera testimonianza biblica.

 

Detto questo, molti cristiani parlano dell'importanza di amare Dio e amare gli altri, e giustamente. Gesù dichiara che questi erano i più grandi comandamenti (Marco 12: 28–34 ; vedere Deuteronomio 6: 4–5 e Levitico 19:18 ). L'idea che dobbiamo amare gli altri è talvolta più specificamente definita come la chiamata ad amare il prossimo come se stessi. "Chi è il mio prossimo?" Diventa così una domanda naturale da porre.

 

Il comando di amare il prossimo come se stesso proviene originariamente da Levitico 19:18, che dice: “Non cercare vendetta o rancore nei confronti di nessuno tra il tuo popolo, ma ama il tuo prossimo come te stesso. Io sono il Signore ”. I giudei ai tempi di Gesù avrebbero in gran parte compreso il loro “prossimo” come i loro compagni israeliti. Ma Dio ha in mente una definizione più ampia. Amare il prossimo è più che amare semplicemente quelli che sono come noi e che possono amarci in cambio.

 

Luca 10 registra un incidente in cui uno scriba , un esperto della legge ebraica, mette alla prova Gesù su cosa doveva fare per ereditare la vita eterna. Gesù rivolge la domanda allo scriba (Luca 10: 25–37). Lo scriba risponde con il comando di amare Dio con tutto il proprio essere e di amare il prossimo come se stesso. Gesù ha affermato la risposta. Ma lo scriba, volendo giustificarsi, chiese: "Chi è il mio prossimo?" Gesù risponde con la parabola del buon samaritano .

 

Nella parabola, un uomo che viaggia da Gerusalemme a Gerico viene attaccato e lasciato morto sul ciglio della strada. Un prete che cammina vicino vede l'uomo ma passa dall'altra parte della strada. Lo stesso accade quando un levita attraversa. In sostanza, due ebrei, entrambi appartenenti alla stirpe sacerdotale degli israeliti e avrebbero dovuto conoscere e seguire la legge di Dio, non sono riusciti a mostrare amore ai loro compagni israeliti bisognosi. Comunque, disse Gesù, arriva un samaritano, una persona generalmente sdegnata dagli ebrei a causa delle differenze culturali e religiose. Ed è stato il samaritano a fermarsi per aiutare l'uomo ferito. Si prende cura delle ferite dell'uomo e paga per lui per stare in una locanda. In breve, una persona che gli ebrei avrebbero considerato "impura" e al di fuori dell'alleanza di Dio dimostrò compassione per chi l'avrebbe considerato un nemico. Gesù chiede allo scriba quale dei tre passanti era vicino al ferito. "L'esperto della legge rispose:" Colui che aveva pietà di lui ". Gesù gli dice: 'Vai e fai altrettanto' ”( Luca 10:37 ).

 

Il nostro prossimo è quindi chiunque ci sia vicino al quale possiamo condividere l'amore di Dio. Siamo chiamati non solo ad amare coloro che sono simili a noi o con i quali ci sentiamo a nostro agio, ma tutti coloro che Dio pone sul nostro cammino. Infatti, Gesù disse: “Ti dico, ama i tuoi nemici e prega per coloro che ti perseguitano, affinché tu possa essere figli di tuo Padre in cielo. Fa sorgere il suo sole sul male e sul bene, e manda pioggia sui giusti e sugli ingiusti. Se ami quelli che ti amano, quale ricompensa riceverai? Non lo fanno nemmeno gli esattori delle tasse? E se saluti solo la tua stessa gente, cosa fai di più degli altri? non lo fanno anche i pagani? Siate perfetti, quindi, come è perfetto il vostro Padre celeste ”( Matteo 5: 44–48 ). Dio mostra amore a tutte le persone ( Giovanni 3: 16–18 ;Romani 1: 19–20 ; 2 Pietro 3: 9 ). Come Suoi figli ( Giovanni 1:12 ), siamo chiamati a fare lo stesso.

 

È sicuramente importante capire cos'è il vero amore. Amiamo le persone cercando sinceramente ciò che è meglio per loro. Amare gli altri non significa concordare con tutto ciò che dicono o fanno, né significa agire in modi che ottengono sempre la loro approvazione. Amare i nostri vicini significa occuparsi dei loro bisogni, sia fisici che spirituali. Amiamo i nostri prossimi quando noi, come il samaritano nella parabola di Gesù, abbiamo compassione per loro e aiutiamo a soddisfare i loro bisogni come siamo in grado. Amiamo il nostro prossimo al meglio quando condividiamo la verità di Dio con loro. Solo Gesù può salvare ( Giovanni 14: 6 ; Atti 4:12 ) e solo Lui può soddisfare ogni esigenza della gente.

 

Amiamo il nostro prossimo, compresi quelli che ci sembrano nemici, quando agiamo verso di loro con un cuore che per primo ama Dio. Amiamo i nostri vicini per un trabocco dell'amore di Dio per noi e come un modo per dimostrare il nostro amore verso Dio ( 1 Giovanni 4: 7–12 ; Colossesi 4: 5–6 ; 1 Pietro 3: 15–16 ).

 

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.