| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Get control of your email attachments. Connect all your Gmail accounts and in less than 2 minutes, Dokkio will automatically organize your file attachments. You can also connect Dokkio to Drive, Dropbox, and Slack. Sign up for free.

View
 

Il Canone della Scrittura

Page history last edited by Paolo E. Castellina 4 months, 2 weeks ago

Il canone delle Scritture 

di Wayne Grudem

 

Capitolo 3 della Teologia sistematica. Un'introduzione alla dottrina biblica (Zondervan, 1994) "Il canone delle Scritture. Cosa appartiene alla Bibbia e cosa non vi appartiene?". Per le note a pi* di pagina, vedasi l'articolo originale in: https://www.biblicaltraining.org/library/canon-scripture-wayne-grudem

 

 Cosa appartiene alla Bibbia e cosa non vi appartiene? 

Il capitolo precedente ha concluso che sono soprattutto le parole scritte di Dio nella Bibbia a cui dobbiamo prestare attenzione. Prima di poterlo fare, tuttavia, dobbiamo sapere quali scritti appartengono alla Bibbia e quali no. Questa è la domanda sul canone della Scrittura, che può essere definita come segue: Il canone della Scrittura è l'elenco di tutti i libri che appartengono alla Bibbia.

 

Non dobbiamo sottovalutare l'importanza di questa domanda. Le parole della Scrittura sono le parole con le quali nutriamo la nostra vita spirituale. Quindi possiamo riaffermare il commento di Mosè al popolo di Israele in riferimento alle parole della legge di Dio:Essa infatti non è una parola senza valore per voi; anzi è la vostra vita. Per questa parola passerete lunghi giorni nel paese in cui state per entrare per prenderne possesso, attraversando il Giordano (Deuteronomio 32:47).

 

Aggiungere o sottrarre dalle parole di Dio significherebbe impedire al popolo di Dio di obbedirgli completamente, poiché i comandi sottratti non sarebbero noti al popolo e le parole aggiunte potrebbero richiedere cose extra del popolo che Dio non aveva comandato. Così Mosè avvertì il popolo di Israele: Non aggiungerete nulla a ciò che io vi comando e non ne toglierete nulla; ma osserverete i comandi del Signore, vostro Dio, che io vi prescrivo (Deut. 4: 2).

 

La determinazione precisa dell'estensione del canone della Scrittura è quindi della massima importanza. Se dobbiamo fidarci e obbedire assolutamente a Dio, dobbiamo avere una raccolta di parole che siamo certi siano le stesse parole di Dio per noi. Se ci sono sezioni della Scrittura di cui abbiamo dei dubbi sul fatto che siano o meno parole di Dio, non le considereremo come dotate di assoluta autorità divina e non ci fideremo di loro tanto quanto avremmo fiducia in Dio stesso.

 

 A. ll canone dell'Antico Testamento 

Dove è nata l'idea di un canone - l'idea che il popolo di Israele dovrebbe preservare una raccolta di parole scritte da Dio? La stessa Scrittura testimonia lo sviluppo storico del canone. La prima raccolta di parole scritte di Dio furono i Dieci Comandamenti. I Dieci Comandamenti formano così l'inizio del canone biblico. Dio stesso scrisse su due tavole di pietra le parole che comandava al suo popolo: Quando il Signore ebbe finito di parlare con Mosè sul monte Sinai, gli diede le due tavole della Testimonianza, tavole di pietra, scritte dal dito di Dio" (Esodo 31:18). Di nuovo leggiamo: “Le tavole erano opera di Dio, la scrittura era scrittura di Dio, scolpita sulle tavole(Esodo 32:16; cf. Deuteronomio 4:13; 10:4). Le tavole furono depositate nell'arca dell'alleanza (Deuteronomio 10:5) e costituivano i termini del patto tra Dio e il suo popolo.

 

Questa raccolta di parole assolutamente autorevoli di Dio è cresciuta di dimensioni nel corso della storia di Israele. Mosè stesso scrisse ulteriori parole da depositare accanto all'arca dell'alleanza (Deuteronomio 31:24-26). Il riferimento immediato è apparentemente al libro del Deuteronomio, ma altri riferimenti alla scrittura di Mosè indicano che anche i primi quattro libri dell'Antico Testamento furono scritti da lui (vedi Esodo. 17:14; 24:4; 34:27; Numeri 33:2; Deuteronomio 31:22). Dopo la morte di Mosè, Giosuè aggiunse anche alla raccolta di parole scritte di Dio: "Scrisse queste parole nel libro della legge di Dio. Prese una grande pietra e la rizzò là, sotto la quercia che era nel santuario del Signore" (Giosuè 24:26). Ciò è particolarmente sorprendente alla luce del comando di non aggiungere o togliere alle parole che Dio ha dato al popolo attraverso Mosè: "Non aggiungerete nulla a ciò che io vi comando e non ne toglierete nulla ..." (Deut. 4.2). Per aver disobbedito a un comando così specifico, Giosuè deve essere stato convinto che non si stava assumendo la responsabilità di aggiungere alle parole scritte di Dio, ma che Dio stesso aveva autorizzato tale scrittura aggiuntiva.

 

Più tardi, altri in Israele, di solito quelli che adempivano l'ufficio del profeta, scrissero ulteriori parole di Dio: "Samuele espose a tutto il popolo il diritto del regno e lo scrisse in un libro, che depositò davanti al Signore" (1 Samuele 10:25); "Le gesta del re Davide, dalle prime alle ultime, sono descritte nei libri del veggente Samuele, nel libro del profeta Natan e nel libro del veggente Gad" (1 Cronache 29:29). "Le altre gesta di Giòsafat, dalle prime alle ultime, ecco, sono descritte negli atti di Ieu, figlio di Anàni, inseriti nel libro dei re d'Israele(2 Cronache 20:34; cf. 1 Re 16: 7 dove Jehu, figlio di Hanani, è chiamato profeta); "Le altre gesta di Ozia, dalle prime alle ultime, le ha descritte il profeta Isaia, figlio di Amoz" (2 Cronache 26:22); "Le altre gesta di Ezechia e le sue opere di pietà sono descritte nella visione del profeta Isaia, figlio di Amoz, nel libro dei re di Giuda e d'Israele" (2 Cronache 32:32); "Così dice il Signore, Dio d'Israele: Scriviti in un libro tutte le cose che ti ho detto" (Geremia 30:2).

 

Il contenuto del canone dell'Antico Testamento continuò a crescere fino al termine del processo di scrittura. Se datiamo Aggeo al 520 avanti Cristo, Zaccaria al 520-518 avanti Cristo (con forse più materiale aggiunto dopo il 480 avanti Cristo) e Malachia intorno al 435 avanti Cristo, abbiamo un'idea delle date approssimative degli ultimi profeti dell'Antico Testamento. Circa in coincidenza con questo periodo sono gli ultimi libri della storia dell'Antico Testamento: Esdra, Neemia e Ester. Esdra andò a Gerusalemme nel 458 avanti Cristo e Neemia era a Gerusalemme dal 445 al 4333 avanti Cristo. Ester fu scritta qualche tempo dopo la morte di Serse I (= Assuero) nel 465 avanti Cristo e una data durante il regno di Artaserse I (464-423 avanti Cristo) è probabile. Quindi, dopo circa 435 avanti Cristo non vi furono ulteriori aggiunte al canone dell'Antico Testamento. La successiva storia del popolo ebraico fu registrata in altri scritti, come i libri dei Maccabei, ma questi scritti non furono ritenuti degni di essere inclusi nelle raccolte delle parole di Dio degli anni precedenti.

 

Quando ci rivolgiamo alla letteratura ebraica al di fuori dell'Antico Testamento, vediamo che la convinzione che le parole divinamente autorevoli di Dio fossero cessate è chiaramente attestata in diversi filoni di letteratura ebraica extrabiblica. In 1 Maccabei (circa 100 avanti Cristo) l'autore scrive dell'altare contaminato, "Vennero nella felice determinazione di demolirlo, perché non fosse loro di vergogna, essendo stato profanato dai pagani. Demolirono dunque l'altare e riposero le pietre sul monte del tempio in luogo conveniente, finché fosse comparso un profeta a decidere di esse" (1 Macc. 4:45-46). Apparentemente non sapevano di nessuno che potesse parlare con l'autorità di Dio come avevano fatto i profeti dell'Antico Testamento. Il ricordo di un autorevole profeta tra il popolo apparteneva a un lontano passato, poiché l'autore poteva parlare di un grande disagio "Ci fu grande tribolazione in Israele, come non si verificava dal giorno in cui non era più apparso un profeta in mezzo a loro" (1 Maccabei 9:27; cf .14:41).

 

Giuseppe Flavio (nato c. AD 37/38), spiega, "Da Artaserse ai nostri tempi è stata scritta una storia completa, ma non è stata ritenuta degna di pari merito con i precedenti documenti, a causa dell'interrompersi dell'esatta successione dei profeti" (Contro Apione 1.41). Questa affermazione del più grande storico ebreo del primo secolo anno Domini mostra che conosceva gli scritti ora considerati parte degli Apocrifi, ma che lui (e molti dei suoi contemporanei) consideravano questi altri scritti "non ... degni di pari merito" con quelle che oggi conosciamo come Scritture dell'Antico Testamento. Dal punto di vista di Giuseppe Flavio non vi furono più "parole di Dio" aggiunte alle Scritture dopo circa 435 avanti Cristo.

 

La letteratura rabbinica riflette una convinzione simile nella sua ripetuta affermazione che lo Spirito Santo (nella funzione dello Spirito di ispirare la profezia) è partito da Israele. “Dopo la morte di questi profeti Aggeo, Zaccaria e Malachia, lo Spirito Santo si allontanò da Israele, ma si servirono ancora del B.AT1 QOWL" (H1426 + H7754, Talmud babilonese, Yomah 9b, ripetuto in Sota 48b, Sanhedrin 11a e Midrash Rabbah su Cantico dei Cantici, 8.9.3).

 

La comunità di Qumran (la setta ebraica che lasciò alle spalle i Rotoli del Mar Morto) aspettava anche un profeta le cui parole avrebbero l'autorità di sostituire qualsiasi norma esistente (vedi 1 QS 9.11), e altre dichiarazioni simili si trovano altrove nell'antica letteratura ebraica (vedi 2 Baruch 85.3 e Preghiera 15). Quindi, scritti successivi a circa 435 a. C. il popolo ebraico non accettava generalmente che avesse pari autorità con il resto delle Scritture.

 

Nel Nuovo Testamento, non abbiamo alcuna traccia di controversie tra Gesù e gli ebrei sull'estensione del canone. Apparentemente c'era un pieno accordo tra Gesù e i suoi discepoli, da un lato, e i leader ebrei o il popolo ebraico, dall'altro, che le aggiunte al canone dell'Antico Testamento erano cessate dopo il tempo di Esdra, Neemia, Ester, Haggai, Zaccaria e Malachia. Questo fatto è confermato dalle citazioni di Gesù e degli autori del Nuovo Testamento dell'Antico Testamento. Secondo un conteggio, gli autori di Gesù e del Nuovo Testamento citano varie parti delle Scritture dell'Antico Testamento come divinamente autorevoli per 295 volte, ma non citano una volta nessuna affermazione dei libri degli Apocrifi o di altri scritti come divini autorità. L'assenza di tale riferimento ad altra letteratura come divinamente autorevole e il riferimento estremamente frequente a centinaia di luoghi nell'Antico Testamento come divinamente autorevoli, conferma fortemente il fatto chegli autori del Nuovo Testamento concordarono sul fatto che il canone dell'Antico Testamento stabilito, non più e non meno, doveva essere preso come le stesse parole di Dio.

 

Che dire allora degli apocrifi, la raccolta di libri inclusa nel canone dalla Chiesa cattolica romana ma esclusa dal canone dal protestantesimo? La parola greca libri apocrifi significa "cose ​​nascoste", ma Metzger nota che gli studiosi non sono sicuri del perché questa parola sia stata applicata a questi scritti. Questi libri non furono mai accettati dagli ebrei come Scritture, ma durante la prima storia della chiesa c'era un'opinione divisa sul fatto che avrebbero dovuto far parte o meno delle Scritture. In effetti, le prime prove cristiane sono decisamente contrarie a considerare gli Apocrifi come Scritture, ma l'uso degli Apocrifi aumentò gradualmente in alcune parti della chiesa fino al tempo della Riforma. Il fatto che questi libri siano stati inclusi da Girolamo nella sua traduzione latina della Vulgata (completata nell'a. D. 404) sostenne la loro inclusione, anche se lo stesso Girolamo disse che non erano "libri del canone" ma semplicemente "libri della chiesa" che erano utili e utili per i credenti. L'ampio uso della Vulgata latina nei secoli successivi garantì la loro continua accessibilità, ma il fatto che non avessero alle spalle un originale ebraico e la loro esclusione dal canone ebraico, così come la mancanza della loro citazione nel Nuovo Testamento, portò molti a vederli con sospetto o a rifiutare la loro autorità. Ad esempio, il primo elenco cristiano di libri dell'Antico Testamento che esiste oggi è di Melito, vescovo di Sardi, che scrive nell'a, D. 170:

 

"Quando venni ad est e raggiunsi il luogo in cui queste cose venivano predicate e fatte, e appresi accuratamente i libri dell'Antico Testamento, ho esposto i fatti e te li ho inviati. Questi sono i loro nomi: cinque libri di Mosè, Genesi, Esodo, Numeri, Levitico, Deuteronomio, Giosuè figlio di Nun, Giudici, Rut, quattro libri di Regni, due libri di Cronache, i Salmi di David, i Proverbi di Salomone e la sua saggezza, Ecclesiaste, il Cantico dei cantici, Giobbe, i profeti Isaia, Geremia, i Dodici in un unico libro, Daniele, Ezechiele, Esdra".

 

È degno di nota qui che Melito non nomina nessuno dei libri degli Apocrifi, ma include tutti i nostri attuali libri dell'Antico Testamento tranne Esther. Eusebio cita anche Origene che afferma la maggior parte dei libri del nostro attuale canone dell'Antico Testamento (incluso Esther), ma nessun libro degli Apocrifi è affermato come canonico, e si dice esplicitamente che i libri dei Maccabei siano "al di fuori di questi [libri canonici]". Lo stesso Eusebio ripete altrove l'affermazione dello storico ebreo Giuseppe Flavio secondo cui le Scritture contengono ventidue libri, ma nulla dai tempi di Artaserse (3.10.1-5), e questo escluderebbe tutti gli Apocrifi.

 

Allo stesso modo, nell'a. D. quando il grande leader della chiesa Atanasio, vescovo di Alessandria, scrisse la sua lettera pasquale, elencò tutti i libri del nostro attuale canone del Nuovo Testamento e tutti i libri del nostro attuale canone dell'Antico Testamento tranne Ester. Ha anche citato alcuni libri degli Apocrifi come la Saggezza di Salomone, la Saggezza di Siracide, Giuditta e Tobia, e ha affermato che questi "non sono effettivamente inclusi nel Canone, ma nominati dai Padri per essere letti da coloro che si uniscono di recente noi e che desideriamo insegnare la parola di pietà”. Tuttavia, altri primi dirigenti della chiesa citarono molti di questi libri come Scritture. Vi sono incoerenze dottrinali e storiche con alcuni di questi libri. Nota EJ Young:

 

"Non ci sono segni in questi libri che attesterebbero un'origine divina ... entrambi Judith e Tobit contengono errori storici, cronologici e geografici. I libri giustificano la menzogna e l'inganno e fanno in modo che la salvezza dipenda da opere di merito… .Ecclesiaste e la Sapienza di Salomone inculcano una moralità basata sull'opportunità. La Sapienza insegna la creazione del mondo dalla materia preesistente (Sapienza 11.17). Ecclesiastico insegna che il dono delle elemosine fa espiazione per il peccato (Ecclesiastico 3.30). A Baruch si dice che Dio ascolta le preghiere dei morti (Baruch 3.4) e in I Maccabei vi sono errori storici e geografici". 

 

Fu solo nel 1546, al Concilio di Trento, che la Chiesa cattolica romana dichiarò ufficialmente che gli Apocrifi facevano parte del canone (ad eccezione di 1 e 2 Esdra e la preghiera di Manasse). È significativo che il Concilio di Trento sia stato la risposta della Chiesa cattolica romana agli insegnamenti di Martin Lutero e della Riforma protestante in rapida espansione, e i libri degli Apocrifi contengono supporto per l'insegnamento cattolico delle preghiere per i morti e giustificazione per fede inoltre funziona, non solo per fede. Nell'affermare gli Apocrifi come all'interno del canone, i cattolici romani sostengono che la chiesa ha l'autorità di costituire un'opera letteraria come "Scrittura", mentre i protestanti hanno sostenuto che la chiesa non può fare qualcosa per essere Scrittura, ma può solo riconoscere ciò che Dio ha già fatto per essere scritto come le sue stesse parole. (Un'analogia qui sarebbe quella di dire che un investigatore della polizia può riconoscere i soldi contraffatti come falsi e può riconoscere i soldi veri come autentici, ma non può fare soldi falsi per essere autentici, né può essere falsa alcuna dichiarazione di un numero qualsiasi di polizia il denaro per essere qualcosa che non è. Solo il tesoro ufficiale di una nazione può fare soldi che siano soldi veri; allo stesso modo, solo Dio può fare delle parole per essere le sue stesse parole e degne di essere incluse nelle Scritture.)

 

Quindi gli scritti degli Apocrifi non dovrebbero essere considerati parte della Scrittura: (1) non rivendicano per sé lo stesso tipo di autorità degli scritti dell'Antico Testamento; (2) non furono considerati come le parole di Dio dal popolo ebraico da cui avevano origine; (3) non furono considerati Scritture da Gesù o dagli autori del Nuovo Testamento; e (4) contengono insegnamenti incompatibili con il resto della Bibbia. Dobbiamo concludere che siano semplicemente parole umane, non parole respirate da Dio come le parole della Scrittura. Hanno valore per la ricerca storica e linguistica e contengono una serie di storie utili sul coraggio e la fede di molti ebrei durante il periodo successivo alla fine dell'Antico Testamento, ma non hanno mai fatto parte del canone dell'Antico Testamento e dovrebbero non essere pensato come parte della Bibbia. 

 

In conclusione, per quanto riguarda il canone dell'Antico Testamento, oggi i cristiani non dovrebbero preoccuparsi che sia stato lasciato fuori qualcosa di necessario o che sia stato incluso tutto ciò che non è la parola di Dio.

 

 B. Il canone del Nuovo Testamento 

Lo sviluppo del canone del Nuovo Testamento inizia con gli scritti degli apostoli. Va ricordato che la scrittura della Scrittura avviene principalmente in relazione ai grandi atti di Dio nella storia della redenzione. L'Antico Testamento registra e interpreta per noi la chiamata di Abramo e la vita dei suoi discendenti, l'esodo dall'Egitto e le peregrinazioni nel deserto, l'istituzione del popolo di Dio nella terra di Canaan, l'istituzione della monarchia e l'Esilio e il ritorno dalla cattività. Ognuno di questi grandi atti di Dio nella storia è interpretato per noi dalle stesse parole di Dio nella Scrittura. L'Antico Testamento si chiude con l'aspettativa del Messia di venire (Malachia 3,1-4; 4: 1-6). La fase successiva nella storia della redenzione è la venuta del Messia, e non sorprende che nessuna ulteriore Scrittura sarebbe stata scritta fino a quando non si fosse verificato questo prossimo e più grande evento nella storia della redenzione.

 

Questo è il motivo per cui il Nuovo Testamento è costituito dagli scritti degli apostoli. Sono soprattutto gli apostoli a cui viene data la capacità dallo Spirito Santo di ricordare accuratamente le parole e le opere di Gesù e di interpretarle giustamente per le generazioni successive.

 

Gesù ha promesso questo potenziamento ai suoi discepoli (che sono stati chiamati apostoli dopo la risurrezione) in Giovanni 14,26. "Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto". Allo stesso modo, Gesù ha promesso un'ulteriore rivelazione della verità dallo Spirito Santo quando ha detto ai suoi discepoli: “Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future. Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà” (Giovanni 16: 13-14). In questi versetti ai discepoli vengono promessi doni straordinari per consentire loro di scrivere le Scritture: lo Spirito Santo insegnerebbe loro "tutte le cose", indurrebbe loro a ricordare "tutto" ciò che Gesù aveva detto e li avrebbe guidati in "tutta la verità. ”

 

Inoltre, coloro che hanno l'ufficio di apostolo nella chiesa primitiva sono visti reclamare un'autorità uguale a quella dei profeti dell'Antico Testamento, un'autorità per parlare e scrivere parole che sono le stesse parole di Dio. Pietro incoraggia i suoi lettori "perché vi ricordiate delle parole già dette dai santi profeti e del precetto del Signore e salvatore, che gli apostoli vi hanno trasmesso" (2 Pietro 3:2). Mentire agli apostoli (Atti 5:2) equivale a mentire allo Spirito Santo (Atti 5:3) e mentire a Dio (Atti 5:4).

 

Quest'affermazione di poter pronunciare parole che erano le parole di Dio stesso è particolarmente frequente negli scritti dell'apostolo Paolo. Afferma non solo che lo Spirito Santo gli ha rivelato "Quelle cose che occhio non vide, né orecchio udì,

né mai entrarono in cuore di uomo, Dio le ha preparate per coloro che lo amano" (1 Corinzi 2:9), ma anche che quando dichiara questa rivelazione: "Di queste cose noi parliamo, con parole non suggerite dalla sapienza umana, bensì insegnate dallo Spirito, esprimendo cose spirituali in termini spirituali" (1 Cor. 2:13).

 

Allo stesso modo, Paolo dice ai Corinzi: "Chi ritiene di essere profeta o dotato di doni dello Spirito, deve riconoscere che quanto vi scrivo è comando del Signore" (1 Corinzi 14.37). Pertanto, Paolo afferma che le sue direttive sulla chiesa di Corinto non sono semplicemente sue, ma un comando del Signore. Più tardi, nel difendere il suo ufficio apostolico, Paolo afferma che darà ai Corinzi "prova che Cristo sta parlando in me" (2 Corinzi 13.3). Altri versi simili potrebbero essere menzionati (ad esempio, Romani 2.16; Galati 1,8-9; 1 Tessalonicesi 2.13; 4.8, 15; 5.27; 2 Tessalonicesi 3.6, 14).

 

Gli apostoli, quindi, hanno l'autorità di scrivere parole che sono le stesse parole di Dio, uguali nello stato di verità e autorità alle parole delle Scritture dell'Antico Testamento. Lo fanno per registrare, interpretare e applicare alle vite dei credenti le grandi verità sulla vita, morte e risurrezione di Cristo.

 

Non sarebbe sorprendente quindi trovare alcuni degli scritti del Nuovo Testamento inseriti nelle Scritture dell'Antico Testamento come parte del canone delle Scritture. In effetti, questo è ciò che troviamo in almeno due casi. Nel 2 Pietro 3.16, Pietror mostra non solo una consapevolezza dell'esistenza di epistole scritte da Paolo, ma anche una chiara volontà di classificare "tutte le sue epistole [di Paolo]" con "le altre scritture". Pietro dice: La magnanimità del Signore nostro consideratela come salvezza: così vi ha scritto anche il nostro carissimo fratello Paolo, secondo la sapienza che gli è stata data, come in tutte le lettere, nelle quali egli parla di queste cose. In esse vi sono alcuni punti difficili da comprendere, che gli ignoranti e gli incerti travisano, al pari delle altre Scritture, per loro propria rovina(2 Pietro 3:15-16). La parola tradotta "scritture" qui è una parola che ricorre cinquantuno volte nel Nuovo Testamento e che si riferisce alle Scritture dell'Antico Testamento in ognuna di quelle occorrenze. Quindi, la parola "Sacre Scritture" era un termine tecnico per gli autori del Nuovo Testamento, ed era usato solo da quegli scritti che si pensava fossero le parole di Dio e quindi parte del canone delle Scritture. Ma in questo versetto, Pietro classifica gli scritti di Paolo con le "altre Scritture" (che significano le Scritture dell'Antico Testamento). Gli scritti di Paolo sono quindi considerati da Pietro anche degni del titolo di "Scrittura" e quindi degni di essere inclusi nel canone.

 

Una seconda istanza si trova in 1 Timoteo 5:17-18. Paolo dice: I presbìteri che esercitano bene la presidenza siano considerati meritevoli di un duplice riconoscimento, soprattutto quelli che si affaticano nella predicazione e nell'insegnamento. 18Dice infatti la Scrittura: Non metterai la museruola al bue che trebbia, e:Chi lavora ha diritto alla sua ricompensa". "La prima citazione da "Scrittura "si trova in Deuteronomio 25.4, ma la seconda citazione, "Il lavoratore merita il suo salario", non si trova da nessuna parte nell'Antico Testamento. Si verifica, tuttavia, in Luca 10.7 (con esattamente le stesse parole nel testo greco). Quindi qui abbiamo apparentemente Paolo che cita una parte del vangelo di Luca 3:21 e lo chiama "Scrittura", cioè qualcosa che deve essere considerato parte del canone. In entrambi questi passaggi (2 Pietro 3.16 e 1 Timoteo 5: 17-18) vediamo prove che molto presto nella storia della chiesa gli scritti del Nuovo Testamento iniziarono ad essere accettati come parte del canone.

 

Poiché gli apostoli, in virtù del loro ufficio apostolico, avevano l'autorità di scrivere parole della Scrittura, gli autentici insegnamenti scritti degli apostoli furono accettati dalla chiesa primitiva come parte del canone della Scrittura. Se accettiamo gli argomenti per le visioni tradizionali della paternità degli scritti del Nuovo Testamento, allora abbiamo la maggior parte del Nuovo Testamento nel canone a causa della paternità diretta degli apostoli. Ciò includerebbe Matteo; Giovanni; Romani a Filemone (tutte le epistole paoline); Giacomo 3:24 1 e 2 Pietro; 1, 2 e 3 Giovanni; e Apocalisse.

 

Questo lascia cinque libri, Marco, Luca, Atti, Ebrei e Giuda, che non furono scritti dagli apostoli. I dettagli del processo storico attraverso il quale questi libri furono considerati parte della Scrittura dalla prima chiesa sono scarsi, ma Marco, Luca e Atti furono comunemente riconosciuti molto presto, probabilmente a causa della stretta associazione di Marco con l'apostolo Pietro e di Luca (l'autore di Luca-Atti) con l'apostolo Paolo. Allo stesso modo, Jude apparentemente fu accettato in virtù della connessione dell'autore con Giacomo (vedi Giuda 1) e il fatto che era il fratello di Gesù. L'accettazione di Giuda nel canone fu lenta, principalmente a causa dei dubbi sulla sua citazione del libro non canonico di 1 Enoch.

 

L'accettazione degli ebrei come canonici fu sollecitata da molti nella chiesa sulla base di una presunta paternità paolina. Ma fin dai primi tempi c'erano altri che respingevano la paternità paolina a favore dell'uno o dell'altro di diversi suggerimenti. Origene, morto circa nel 254 AD, menziona varie teorie della paternità e conclude: "Ma chi ha effettivamente scritto l'epistola, solo Dio lo sa". Pertanto, l'accettazione degli ebrei come canonici non era interamente dovuta alla credenza nella paternità paolina. Piuttosto, le qualità intrinseche del libro stesso devono aver finalmente convinto i primi lettori, mentre continuano a convincere i credenti oggi, che chiunque sia stato il suo autore umano, il suo autore ultimo non può che essere stato Dio stesso. La gloria maestosa di Cristo risplende dalle pagine dell'epistola agli ebrei così intensamente che nessun credente che la legge seriamente dovrebbe mai mettere in discussione il suo posto nel canone.

 

Questo ci porta al cuore della questione della canonicità. Affinché un libro appartenga al canone, è assolutamente necessario che il libro abbia una paternità divina. Se le parole del libro sono parole di Dio (attraverso autori umani) e se la chiesa primitiva, sotto la direzione degli apostoli, conservava il libro come parte della Scrittura, allora il libro appartiene al canone. Ma se le parole del libro non sono parole di Dio, non appartiene al canone. La questione della paternità di un apostolo è importante perché erano principalmente gli apostoli a cui Cristo ha dato la capacità di scrivere parole con assoluta autorità divina. Se una scrittura può essere dimostrata da un apostolo, allora la sua assoluta autorità divina viene automaticamente stabilita. 

 

È anche molto probabile che gli stessi apostoli viventi fornissero una guida alle chiese riguardo a quali opere intendessero essere conservate e usate come Scrittura nelle chiese (vedi Colossesi 4.16; 2 Tessalonicesi 3.14; 2 Pietro 3.16). Apparentemente c'erano alcuni scritti che avevano l'autorità divina assoluta ma che gli apostoli non decisero di conservare come "Scrittura" per le chiese (come la "lettera precedente" di Paolo ai Corinzi: vedi1 Corinzi 5.9). Inoltre, gli apostoli fecero molto più insegnamento orale, che aveva l'autorità divina (vedi 2 Tessalonicesi 2:15) ma non è stato scritto e conservato come Scrittura. Pertanto, oltre alla paternità apostolica, la conservazione da parte della chiesa sotto la direzione degli apostoli era necessaria per includere un'opera nel canone.

 

Pertanto, la chiesa primitiva accettò automaticamente come parte del canone gli insegnamenti scritti degli apostoli che gli apostoli volevano preservati come Scrittura.

 

Ma l'esistenza di alcuni scritti del Nuovo Testamento che non sono stati scritti direttamente dagli apostoli mostra che ce n'erano altri nella chiesa primitiva a cui Cristo diede anche la capacità, attraverso l'opera dello Spirito Santo, di scrivere parole che erano le stesse parole di Dio e anche pertanto intendeva far parte del canone. In questi casi, la chiesa primitiva aveva il compito di riconoscere quali scritti avessero la caratteristica di essere le stesse parole di Dio (attraverso autori umani).

 

Per alcuni libri (almeno Marco, Luca e Atti, e forse anche Ebrei e Giuda), la chiesa aveva, almeno in alcune aree, la testimonianza personale di alcuni apostoli viventi per affermare l'autorità divina assoluta di questi libri. Ad esempio, Paolo avrebbe affermato l'autenticità di Luca e Atti e Pietro avrebbe affermato l'autenticità di Marco come contenente il vangelo che egli stesso predicava. In altri casi, e in alcune aree geografiche, la chiesa doveva semplicemente decidere se ascoltare la voce di Dio stesso che parlava nelle parole di questi scritti. In questi casi, le parole di questi libri sarebbero state auto-attestanti; cioè, le parole avrebbero reso testimonianza della loro stessa divina paternità mentre i cristiani le leggevano. Questo sembra essere stato il caso degli ebrei.

 

Non dovrebbe sorprenderci che la chiesa primitiva avrebbe potuto riconoscere gli ebrei e altri scritti, non scritti dagli apostoli, come le stesse parole di Dio. Gesù non aveva detto "Le mie pecore ascoltano la mia voce" (Giovanni 10.27)? Non si dovrebbe pensare impossibile o improbabile, quindi, che la chiesa primitiva sarebbe in grado di utilizzare una combinazione di fattori, tra cui l'appoggio apostolico, la coerenza con il resto delle Scritture e la percezione di una scrittura come "soffiata da Dio" sul parte di una stragrande maggioranza di credenti, per decidere che una scrittura era in realtà parole di Dio (attraverso un autore umano) e quindi degna di inclusione nel canone. Né si dovrebbe ritenere improbabile che la chiesa sarebbe stata in grado di utilizzare questo processo per un periodo di tempo - poiché gli scritti venivano fatti circolare in varie parti della chiesa primitiva - e infine giungere a una decisione completamente corretta, senza escludere alcun scritto che fosse in effetti "alito di Dio" e senza includere quelli che non lo erano. 

 

Nel anno 367 AD la Trentanovesima Lettera Pasquale di Atanasio conteneva un elenco esatto dei ventisette libri del Nuovo Testamento, quelli che abbiamo oggi. Questa era la lista dei libri accettati dalle chiese nella parte orientale del mondo mediterraneo. Trenta anni dopo, nel 397 AD, il Concilio di Cartagine, in rappresentanza delle chiese nella parte occidentale del mondo mediterraneo, concordò con le chiese orientali sullo stesso elenco. Questi sono i primi elenchi finali del nostro canone attuale.

 

Dovremmo aspettarci ulteriori scritti da aggiungere al canone? La frase di apertura in Ebrei pone questa domanda nella giusta prospettiva storica, la prospettiva della storia della redenzione: "Dio, che molte volte e in diversi modi nei tempi antichi aveva parlato ai padri per mezzo dei profeti, ultimamente, in questi giorni, ha parlato a noi per mezzo del Figlio, che ha stabilito erede di tutte le cose e mediante il quale ha fatto anche il mondo (Ebrei 1: 1-2).

 

Il contrasto tra tempi antichi dei profeti e il recente "in questi ultimi giorni" suggerisce che il discorso di Dio a noi da parte di suo Figlio è il culmine del suo parlare all'umanità ed è la sua più grande e ultima rivelazione all'umanità in questo periodo di storia redentrice. L'eccezionale grandezza della rivelazione che arriva attraverso il Figlio, che supera di gran lunga qualsiasi rivelazione nella vecchia alleanza, è enfatizzata più voltecapitoli 1 e 2di EbreiTutti questi fatti indicano che esiste una finalità alla rivelazione di Dio in Cristo e che una volta che questa rivelazione è stata completata, non ci si può aspettare altro.

 

Ma dove apprendiamo questa rivelazione attraverso Cristo? Gli scritti del Nuovo Testamento contengono l'interpretazione finale, autorevole e sufficiente dell'opera di redenzione di Cristo. Gli apostoli e i loro compagni intimi riportano le parole e le opere di Cristo e le interpretano con assoluta autorità divina. Quando essi terminarono di scrivere, non c'è più nulla da aggiungere con la stessa assoluta autorità divina. Quindi, una volta completati gli scritti degli apostoli del Nuovo Testamento e di coloro che essi avevano autorizzato, abbiamo in forma scritta la documentazione finale di tutto ciò che Dio vuole che conosciamo sulla vita, morte e risurrezione di Cristo e il suo significato per le vite di credenti per sempre. Poiché questa è la più grande rivelazione di Dio per l'umanità, non ci si può aspettare di più una volta che questo è completo. In questo modo, quindi, Ebrei 1:1-2 ci mostra perché non è possibile aggiungere altri scritti alla Bibbia dopo il tempo del Nuovo Testamento. Il canone è ora chiuso.

 

Un simile tipo di considerazione può essere tratto da Apocalisse 22:18-19:

 

"A chiunque ascolta le parole della profezia di questo libro io dichiaro: se qualcuno vi aggiunge qualcosa, Dio gli farà cadere addosso i flagelli descritti in questo libro; e se qualcuno toglierà qualcosa dalle parole di questo libro profetico, Dio lo priverà dell'albero della vita e della città santa, descritti in questo libro".

 

Il riferimento principale di questi versetti è chiaramente al libro dell'Apocalisse stesso, poiché Giovanni si riferisce alla sua scrittura come "le parole della profezia di questo libro" in versi 7 e 10 di questo capitolo (e l'intero libro è chiamato una profezia in Apocalisse 1: 3). Inoltre, il riferimento a "l'albero della vita e ... la città santa, che sono descritti in questo libro" indica che si intende lo stesso libro dell'Apocalisse.

 

Tuttavia, non è un caso che questa affermazione giunga alla fine dell'ultimo capitolo dell'Apocalisse e che l'Apocalisse sia l'ultimo libro del Nuovo Testamento. In effetti, l'Apocalisse deve essere collocata per ultima nel canone. Per molti libri, la loro collocazione nell'assemblaggio del canone ha poche conseguenze. Ma proprio come la Genesi deve essere collocata per prima (perché ci dice della creazione), così l'Apocalisse deve essere posizionata per ultima (perché il suo focus è di dirci del futuro e della nuova creazione di Dio). Gli eventi descritti in Apocalisse sono storicamente successivi agli eventi descritti nel resto del Nuovo Testamento e richiedono che l'Apocalisse sia collocata dove si trova. Pertanto, non è inappropriato per noi comprendere questo avvertimento eccezionalmente forte alla fine dell'Apocalisse come applicabile in modo secondario all'intera Scrittura. Posizionato qui, dove deve essere posizionato, l'avvertimento costituisce una conclusione appropriata all'intero canone della Scrittura. Insieme a Ebrei 1:1-2 e la prospettiva della storia della redenzione implicita in quei versi, questa più ampia applicazione di Apocalisse 22: 18-19 ci suggerisce anche che non dovremmo aspettarci che altre Scritture vengano aggiunte oltre a ciò che già abbiamo.

 

Come facciamo a sapere allora che abbiamo i libri giusti nel canone delle Scritture che ora possediamo? È possibile rispondere alla domanda in due modi diversi. In primo luogo, se ci stiamo chiedendo su cosa dovremmo basare la nostra fiducia, la risposta deve in definitiva essere che la nostra fiducia si basa sulla fedeltà di Dio. Sappiamo che Dio ama il suo popolo ed è estremamente importante che il popolo di Dio abbia le sue parole, poiché sono la nostra vita (Deuteronomio 32.47). Sono più preziosi, più importanti per noi di ogni altra cosa in questo mondo. Sappiamo anche che Dio nostro Padre ha il controllo di tutta la storia, e non è il tipo di Padre che ci ingannerà o non ci sarà fedele o ci manterrà qualcosa di cui abbiamo assolutamente bisogno.

 

La gravità delle punizioni in Apocalisse 22.18-19 che arrivano a coloro che aggiungono o tolgono dalle parole di Dio conferma anche l'importanza per il popolo di Dio di avere un canone corretto. Non potrebbero esserci punizioni maggiori di queste, poiché sono le punizioni del giudizio eterno. Ciò dimostra che Dio stesso attribuisce un valore supremo al fatto che abbiamo una corretta raccolta di scritti ispirati da Dio, né più né meno. Alla luce di questo fatto, potrebbe essere giusto per noi credere che Dio Padre nostro, che controlla tutta la storia, permetterebbe a tutta la sua chiesa per quasi duemila anni di essere privata di qualcosa che lui stesso valorizza così tanto ed è così necessario per le nostre vite spirituali?

 

La preservazione e il corretto assemblaggio del canone della Scrittura dovrebbero in definitiva essere visti dai credenti, quindi, non come parte della storia della chiesa successiva ai grandi atti centrali di redenzione per il suo popolo, ma come parte integrante della storia della redenzione stessa. Proprio come Dio era all'opera nella creazione, nella chiamata del suo popolo Israele, nella vita, morte e risurrezione di Cristo, e nelle prime opere e scritture degli apostoli, così Dio era all'opera per la conservazione e l'assemblaggio insieme dei libri delle Scritture a beneficio del suo popolo per l'intera epoca della chiesa. Alla fine, quindi, basiamo la nostra fiducia nella correttezza del nostro attuale canone sulla fedeltà di Dio.

 

La domanda su come sappiamo di avere i libri giusti può, in secondo luogo, ricevere una risposta in qualche modo diversa. Potremmo voler concentrarci sul processo attraverso il quale siamo persuasi che i libri che abbiamo ora nel canone siano quelli giusti. In questo processo sono all'opera due fattori: l'attività dello Spirito Santo che ci convince mentre leggiamo le Scritture per noi stessi e i dati storici che abbiamo a disposizione per la nostra considerazione.

 

Mentre leggiamo le Scritture, lo Spirito Santo opera per convincerci che i libri che abbiamo nelle Scritture provengono tutti da Dio e sono le sue parole per noi. È stata la testimonianza dei cristiani nel corso dei secoli che mentre leggono i libri della Bibbia, le parole della Scrittura parlano ai loro cuori come nessun altro libro. Giorno dopo giorno, anno dopo anno, i cristiani scoprono che le parole della Bibbia sono davvero le parole di Dio che parlano loro con un'autorità, un potere e una persuasività che nessun altro scritto possiede. Veramente "la parola di Dio è viva, efficace e più tagliente di ogni spada a doppio taglio; essa penetra fino al punto di divisione dell'anima e dello spirito, fino alle giunture e alle midolla, e discerne i sentimenti e i pensieri del cuore" (Ebrei 4:12).

 

Tuttavia, il processo attraverso il quale ci convince che l'attuale canone è giusto è anche aiutato da dati storici. Naturalmente, se l'assemblaggio del canone faceva parte degli atti centrali di Dio nella storia della redenzione (come è stato detto sopra), allora i cristiani di oggi non dovrebbero presumere di assumersi il compito di tentare di aggiungere o sottrarre dai libri di il canone: il processo è stato completato molto tempo fa. Tuttavia, un'indagine approfondita delle circostanze storiche che circondano l'assemblaggio del canone è utile per confermare la nostra convinzione che le decisioni prese dalla chiesa primitiva fossero decisioni corrette. Alcuni di questi dati storici sono stati menzionati nelle pagine precedenti. Altri dati più dettagliati sono disponibili per coloro che desiderano intraprendere indagini più specializzate. 03:30

 

Tuttavia, va menzionato un ulteriore fatto storico. Oggi non esistono candidati validi per l'aggiunta al canone e nessuna forte obiezione a qualsiasi libro attualmente presente nel canone. Di quegli scritti che alcuni nella chiesa primitiva volevano includere nel canone, è sicuro dire che non ce ne sono che gli evangelici di oggi vorrebbero includere. Alcuni dei primi scrittori si sono distinti abbastanza chiaramente dagli apostoli e i loro scritti dagli scritti degli apostoli. Ignazio, per esempio, circa nel 110 AD, disse: “Non ti ordino come Pietro e Paolo; erano apostoli. Io sono un detenuto; essi erano liberi, fino ad ora sono ancora uno schiavo" (Ignazio, Ai romani 4.3; confronta l'atteggiamento verso gli apostoli in 1 Clemente 42: 1, 2; 44: 1-2 [AD 95]; Ignazio, Ai magnesiaci 7: 1; 13: 1-2; et al.).

 

Persino quegli scritti che per un certo periodo erano ritenuti degni di essere inclusi nel canone contengono un insegnamento dottrinale contraddittorio con il resto delle Scritture. "Il pastore" di Hermas, per esempio, insegna "la necessità della penitenza" e "la possibilità del perdono dei peccati almeno una volta dopo il battesimo ... L'autore sembra identificare lo Spirito Santo con il Figlio di Dio prima dell'Incarnazione, e sostenere che la Trinità è nata solo dopo che l'umanità di Cristo è stata portata in cielo ” (Dizionario di Oxford della Chiesa Cristiana p. 641).

 

Il Vangelo di Tommaso che per qualche tempo fu ritenuto da alcuni appartenenti al canone, si conclude con la seguente assurda affermazione (par. 114):

 

"Simon Pietro disse loro: 'Lascia che Maria vada via da noi, perché le donne non sono degne di vita'. Gesù disse: 'Ecco, la condurrò, affinché io possa renderla un maschio, affinché anche lei possa diventare uno spirito vivente, simile a te maschi. Per ogni donna che si fa un maschio entrerà nel regno dei cieli".

 

Tutti gli altri documenti esistenti che avevano nella chiesa primitiva alcuna possibilità di inclusione nel canone sono simili a questi in quanto contengono espliciti disclaimer sullo status canonico o includono alcune aberrazioni dottrinali che li rendono chiaramente indegni di inclusione nella Bibbia.

 

D'altra parte, non ci sono forti obiezioni a nessun libro attualmente nel canone. Nel caso di diversi libri del Nuovo Testamento che erano lenti ad ottenere l'approvazione di tutta la chiesa (libri come 2 Pietro o 2 e 3 Giovanni), gran parte della prima esitazione sulla loro inclusione può essere attribuita al fatto che inizialmente non erano circolati molto ampiamente e quella piena conoscenza dei contenuti di tutti gli scritti del Nuovo Testamento si diffuse piuttosto lentamente nella chiesa. (Le esitazioni di Martin Lutero riguardo a Giacomo sono abbastanza comprensibili alla luce della controversia dottrinale in cui era impegnato, ma tale esitazione non era certamente necessaria. L'apparente conflitto dottrinale con l'insegnamento di Paolo si risolve facilmente una volta riconosciuto che Giacomo sta usando tre termini chiave (giustificazione, fede e opere) in sensi diversi da quelli con cui li usava Paolo.

 

Esiste quindi una conferma storica per la correttezza dell'attuale canone. Tuttavia, si deve ricordare in relazione a qualsiasi indagine storica che il lavoro della chiesa primitiva non consisteva nel conferire l'autorità divina o l'autorità ecclesiastica ad alcuni scritti meramente umani, ma piuttosto riconoscere la caratteristica divina degli autori che avevano già una tale qualità . Questo perché l'ultimo criterio della canonicità è la paternità divina, non l'approvazione umana o ecclesiastica.

 

A questo punto qualcuno potrebbe porre un'ipotetica domanda su cosa dovremmo fare se, ad esempio, venisse scoperta un'altra delle epistole di Paolo. Lo aggiungeremmo alle Scritture? Questa è una domanda difficile, perché sono implicate due considerazioni contrastanti. Da un lato, se la grande maggioranza dei credenti fosse convinta che si trattasse davvero di un'autentica epistola paolina, scritta nel corso dell'adempimento del suo ufficio apostolico da parte di Paolo, allora la natura dell'autorità apostolica di Paolo garantirebbe che la scrittura sarebbe proprio Dio parole (così come quelle di Paolo) e che i suoi insegnamenti sarebbero coerenti con il resto delle Scritture. Ma il fatto che non fosse conservato come parte del canone indicherebbe che non era tra gli scritti che gli apostoli volevano che la chiesa conservasse come parte della Scrittura. Inoltre, si deve immediatamente dire che una domanda così ipotetica è proprio questa: ipotetica. È eccezionalmente difficile immaginare che tipo di dati storici potrebbero essere scoperti che potrebbero dimostrare in modo convincente alla chiesa nel suo insieme che una lettera persa per oltre 1900 anni è stata autenticamente scritta da Paolo, ed è ancora più difficile capire come il nostro Dio sovrano avrebbe potuto prendersi cura fedelmente del suo popolo per oltre 1.900 anni e ancora permettere loro di essere continuamente privati ​​di qualcosa che intendeva avere come parte della sua rivelazione finale di se stesso in Gesù Cristo.

Queste considerazioni rendono così altamente improbabile che un simile manoscritto venga scoperto in futuro, che una domanda così ipotetica non meriti un'ulteriore seria considerazione. È eccezionalmente difficile immaginare che tipo di dati storici potrebbero essere scoperti che potrebbero dimostrare in modo convincente alla chiesa nel suo insieme che una lettera persa per oltre 1900 anni è stata autenticamente scritta da Paolo, ed è ancora più difficile capire come il nostro Dio sovrano avrebbe potuto prendersi cura fedelmente del suo popolo per oltre 1.900 anni e ancora permettere loro di essere continuamente privati ​​di qualcosa che intendeva avere come parte della sua rivelazione finale di se stesso in Gesù Cristo.

 

In conclusione, ci sono libri nel nostro canone attuale che non dovrebbero esserci? No. Possiamo riporre la nostra fiducia in questo fatto nella fedeltà di Dio Padre nostro, che non condurrebbe tutto il suo popolo per quasi duemila anni a confidare nella sua Parola qualcosa che non lo è. E troviamo la nostra fiducia ripetutamente confermata sia dall'indagine storica sia dall'opera dello Spirito Santo nel permetterci di ascoltare la voce di Dio in un modo unico mentre leggiamo da ciascuno dei sessantasei libri del nostro attuale canone delle Scritture.

 

Ma ci sono libri mancanti, libri che avrebbero dovuto essere inclusi nelle Scritture ma che non lo erano? La risposta deve essere no. In tutta la letteratura conosciuta non ci sono candidati che si avvicinino nemmeno alla Scrittura quando si considera sia la loro coerenza dottrinale con il resto della Scrittura sia il tipo di autorità che rivendicano per se stessi (così come il modo in cui tali affermazioni di autorità sono state ricevuto da altri credenti). Ancora una volta, la fedeltà di Dio al suo popolo ci convince che non manca nulla nelle Scritture che Dio pensa che dobbiamo conoscere per obbedire a lui e fidarci pienamente di lui. Il canone della Scrittura oggi è esattamente ciò che Dio voleva che fosse, e rimarrà tale fino al ritorno di Cristo.

 

 DOMANDE PER L'APPLICAZIONE PERSONALE 

1. Perché è importante per la tua vita cristiana sapere quali scritti sono le parole di Dio e quali no? In che modo il tuo rapporto con Dio sarebbe diverso se dovessi cercare le sue parole che erano sparse tra tutti gli scritti dei cristiani nella storia della chiesa? In che modo la tua vita cristiana sarebbe diversa se le parole di Dio fossero contenute non solo nella Bibbia ma anche nelle dichiarazioni ufficiali della chiesa nel corso della storia?

 

2. Hai avuto dubbi o domande sulla canonicità di qualcuno dei libri della Bibbia? Cosa ha causato queste domande? Cosa si dovrebbe fare per risolverli?

 

3. I mormoni, i Testimoni di Geova e i membri di altre sette hanno reclamato le rivelazioni odierne da parte di Dio che contano pari alla Bibbia nell'autorità. Quali ragioni puoi fornire per indicare la falsità di tali affermazioni? In pratica, queste persone trattano la Bibbia come un'autorità uguale a queste altre "rivelazioni"?

 

4. Se non hai mai letto parti degli Apocrifi dell'Antico Testamento, forse vorresti leggerne alcune sezioni. Credi di poterti fidare di questi scritti nello stesso modo in cui ti fidi delle Scritture? Confronta l'effetto che questi scritti hanno su di te con l'effetto della Scrittura su di te. Potresti voler fare un paragone simile con alcuni scritti di una raccolta di libri chiamata Apocrifi el Nuovo Testamento, o forse con il Libro di Mormon o il Corano. L'effetto spirituale di questi scritti sulla tua vita è positivo o negativo? Come si confronta con l'effetto spirituale che la Bibbia ha sulla tua vita?

 

BIBLIOGRAFIA

(Per una spiegazione di questa bibliografia vedere la nota sulla bibliografia al capitolo 1, p. 38. I dati bibliografici completi possono essere trovati alle pagine 1223-29.)

 

Nella sezione "Altre opere" della bibliografia di questo capitolo ho incluso alcune opere scritte da una prospettiva non evangelica a causa della loro importanza per lo studio dei dati storici rilevanti per la questione del canone.

 

Sezioni in teologie evangeliche sistematiche

1. Anglicano (episcopale): 1882-92 Litton, 10-18 1930, Thomas, 101-15

2. Arminiano (Wesleyano o Metodista), 1875-76, Pope, 1: 193-230; Wiley del 1940, 1: 185-214; 1983 Carter, 1: 291-94

3. Battista: 1907 Strong, 145-72; 236-40; 1976-83 Henry, 2: 69-76; 4: 405-75; 1987-94 Lewis / Demarest, 1: 147-48

4. Dispensazionalista. Chafer 1947, 1: 95-102, 124-28; 1949 Thiessen, 50-61; 1986 Ryrie, 105-9

5. Luterano. 1917-24 Pieper, 1: 330-48

6. Riformato (o presbiteriano) 1861 Heppe, 12-21, 28-31; 1871-73 Hodge, 1: 152-53; 1887-1921 Warfield, IAB 411-18; 1889 Shedd, 1: 134-47; 1938 Berkhof, Intro. 116-43; 1962 Buswell, 1: 193-98

 

Sezioni in rappresentative teologie sistematiche cattoliche romane

1. Cattolico romano: tradizionale: 1955 Ott (nessun trattamento esplicito); 

2. Cattolico romano: Post-Vaticano II, 1980 McBrien, 1: 50-62, 201-43; 2: 817-42

 

Altre opere

Beckwith, RT "Canone dell'Antico Testamento". NelIBD 1: 235-38.

Beckwith, Roger. L'Antico Testamento Canonico della Chiesa del Nuovo Testamento e il suo passato nel primo giudaismo. Grand Rapids: Eerdmans, 1985.

 

Birdsall, JN "Apocrypha". NelIBD 1: 75-77.

_______. "Canone del Nuovo Testamento". NelIBD 1: 240-45.

Bruce, FF Il canone delle Scritture. Downers Grove, Ill: InterVarsity Press, 1988.

Carson, DA e John D. Woodbridge, a cura di. Ermeneutica, Autorità e Canon. Grand Rapids: Zondervan, 1986.

Dunbar, David G. "Il canone biblico". NelErmeneutica, Autorità e Canon. Ed. di DA Carson e John Woodbridge. Grand Rapids: Zondervan, 1986.

Verde, William Henry. Introduzione generale all'Antico Testamento: il Canone. New York: Scribners, 1898.

Harris, R. Laird. "Cronache e Canon nei tempi del Nuovo Testamento."JETS. Vol. 33, n. 1 (marzo 1990): 75-84.

_______. Ispirazione e canonicità della Bibbia: uno studio storico ed esegetico. Grand Rapids: Zondervan, 1989.

Kline, Meredith G. La struttura dell'autorità biblica. Grand Rapids: Eerdmans, 1972.

Leiman, SZ La canonizzazione delle scritture ebraiche: le prove talmudiche e midrashiche. Hamden, Conn .: Archon, 1976.

McRay, JR "Bibbia, Canon di". NelEDT pagg. 140-41.

Metzger, Bruce M. Il canone del Nuovo Testamento: la sua origine, sviluppo e significato. Oxford: Clarendon; e New York: Oxford University Press, 1987.

Packer, JI "Scrittura". NDT 627-31.

Ridderbos, Herman N. Storia redentrice e scritture del Nuovo Testamento. In precedenza,L'autorità delle Scritture del Nuovo Testamento. 2d rev. ed. Trans. di HD Jongste. Rev. di Richard B. Gaffin, Jr. Phillipsburg, NJ: Presbyterian and Reformed, 1988.

Westcott, Brooke Foss. La Bibbia nella Chiesa: un racconto popolare sulla raccolta e l'accoglienza delle Sacre Scritture nelle Chiese cristiane. Primo ed. con alterazioni. Londra: Macmillan, 1901.

Zahn, Theodor. Geschichte des Neutestamentlichen Kanons. 2 voll. Erlangen: Deichert, 1888-90. Ristampa ed., Hildesheim e New York: Olms, 1975.

 

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.