| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Social distancing? Try a better way to work remotely on your online files. Dokkio, a new product from PBworks, can help your team find, organize, and collaborate on your Drive, Gmail, Dropbox, Box, and Slack files. Sign up for free.

View
 

Sogni marxisti e realtà sovietiche

Page history last edited by Paolo E. Castellina 3 months, 1 week ago

Sogni marxisti e realtà sovietiche

 

Ralph Raico

 

Il netto contrasto che Alexis de Tocqueville disegnò nel 1835 tra gli Stati Uniti e la Russia zarista - "il principio del primo è la libertà; del secondo, la servitù" 1  divenne molto più acuto dopo il 1917, quando l'impero russo fu trasformato in Unione  Sovietica.

Come gli Stati Uniti, l'Unione Sovietica è una nazione fondata su un'ideologia distinta. Nel caso dell'America, l'ideologia era fondamentalmente il liberalismo lockeano; le sue migliori espressioni sono la Dichiarazione di Indipendenza e la Carta dei diritti della Costituzione degli Stati Uniti. Il nono emendamento, in particolare, respira lo spirito della visione del mondo dell'America della fine del XVIII secolo. 2  I Fondatori credevano che esistessero diritti individuali e naturali che, presi insieme, costituiscono un quadro morale per la vita politica. Tradotto in legge, questo quadro definisce lo spazio sociale all'interno del quale gli uomini interagiscono volontariamente; consente il coordinamento spontaneo e il costante mutuo adeguamento dei vari piani che i membri della società formano per guidare e riempire le loro vite.

 

L'Unione Sovietica fu fondata su un'ideologia molto diversa, il marxismo, come inteso e interpretato da V.I. Lenin. Il marxismo, con le sue radici nella filosofia hegeliana, fu una rivolta abbastanza consapevole contro la dottrina dei diritti individuali del secolo precedente. I leader del partito bolscevico (che cambiò il suo nome in comunista nel 1918) erano praticamente tutti intellettuali rivoluzionari, secondo la strategia esposta da Lenin nel suo lavoro del 1902 Cosa deve essere fatto? 3 Erano avidi studenti delle opere di Marx ed Engels pubblicate nelle loro vite o poco dopo e conosciute dai teorici della Seconda Internazionale. I leader bolscevichi si consideravano gli esecutori del programma marxista, come quelli che la Storia aveva invitato a realizzare la transizione apocalittica verso la società comunista predetta dai fondatori della loro fede.

 

Lo scopo che ereditarono da Marx ed Engels non era altro che la realizzazione finale della libertà umana e la fine della "preistoria" della razza umana. Il loro era il sogno di Prometeo della riabilitazione dell'uomo e della sua conquista del suo legittimo posto come padrone del mondo e signore della creazione.

 

Basandosi sul lavoro di Michael Polanyi e Ludwig von Mises, Paul Craig Roberts ha dimostrato - nei libri che meritano di essere conosciuti molto meglio di loro, poiché forniscono una chiave importante per la storia del ventesimo secolo 4- il significato della libertà nel marxismo. Sta nell'abolizione dell'alienazione, cioè della produzione di merci, produzione per il mercato. Per Marx ed Engels, il mercato rappresenta non solo l'arena dello sfruttamento capitalistico, ma, fondamentalmente, un insulto sistematico alla dignità dell'uomo. Attraverso di esso, le conseguenze dell'azione dell'uomo sfuggono al suo controllo e lo accendono in modi maligni. Pertanto, l'intuizione che i processi di mercato generano risultati che non facevano parte delle intenzioni di nessuno diventa, per il marxismo, la vera ragione per condannarli. Mentre Marx scriveva del palcoscenico della società comunista prima della totale scomparsa della scarsità,

la libertà in questo campo può consistere solo nell'uomo socializzato, i produttori associati, che regolano razionalmente il loro interscambio con la Natura, portandolo sotto il loro controllo comune, invece di essere governato da esso come dalle forze cieche della Natura. 5

 

Il punto è chiarito più chiaramente da Engels:

 

Con il sequestro dei mezzi di produzione da parte della società, la produzione di merci viene eliminata e con essa il dominio del prodotto sui produttori. L'anarchia della produzione sociale è sostituita da un'organizzazione consapevole secondo i piani. L'intera sfera delle condizioni di vita che circondano gli uomini, che finora governavano gli uomini, è sotto il dominio e il controllo cosciente degli uomini, che diventano per la prima volta i veri e consapevoli signori della natura, perché e in quello diventano padroni di la propria organizzazione sociale. Le leggi della propria attività sociale, che li hanno confrontati fino a questo punto come leggi aliene della natura, controllandole, sono poi applicate dagli uomini con piena comprensione e così padroneggiate da loro. Solo da quel momento in poi gli uomini faranno la loro storia in piena coscienza; solo da quel momento in poi le cause sociali che avranno messo in moto avranno in proporzione principale e in costante aumento, anche i risultati da loro intesi. È il salto dell'umanità dal regno della necessità al regno della libertà.6

 

Pertanto, la libertà dell'uomo sarebbe espressa nel controllo totale esercitato dai produttori associati nel pianificare l'economia e, con essa, tutta la vita sociale. Le conseguenze indesiderate delle azioni dell'Uomo non porterebbero più disastro e disperazione: non ci sarebbero conseguenze del genere. L'uomo determinerebbe il proprio destino. Non spiegato come milioni e milioni di individui separati potessero aspettarsi di agire con una sola mente e una volontà - improvvisamente potrebbe diventare "Uomo", soprattutto perché si sosteneva che lo stato, il motore indispensabile della coercizione, sarebbe scomparso.

 

Già ai tempi di Marx ed Engels - decenni prima della fondazione dello stato sovietico - ce n'erano alcuni con un'idea accorta di chi fosse che avrebbe assunto il ruolo di protagonista quando sarebbe arrivato il momento di eseguire l'eroico melodramma "Man Creates Your Own Destiny". Il più celebre dei primi critici di Marx fu l'anarchico russo Michael Bakunin, per il quale Marx era "il Bismarck del socialismo" e che avvertì che il marxismo era una dottrina idealmente adattata a funzionare come ideologia, in senso marxista: la razionalizzazione sistematica e l'offuscamento —Del potere spinge gli intellettuali rivoluzionari. Porterebbe, ha avvertito Bakunin, alla creazione di "una nuova classe", che stabilirebbe "il più aristocratico, dispotico, arrogante e sprezzante di tutti i regimi" 7 e rafforzare il suo controllo sulle classi produttive della società. L'analisi di Bakunin è stata estesa ed elaborata dal polacco Waclaw Machajski. 8

 

Nonostante questa analisi - o forse come una sua conferma - la visione marxista è arrivata a ispirare generazioni di intellettuali in Europa e persino in America. Nel corso del vasto, insensato massacro che fu la prima guerra mondiale, l'Impero zarista crollò e l'immenso esercito imperiale russo fu frammentato in atomi. Un piccolo gruppo di intellettuali marxisti prese il potere. Cosa potrebbe esserci di più naturale di quello, una volta al potere, dovrebbero cercare di dare vita alla visione che era il loro intero scopo e scopo? Il problema era che l'audacia del loro sogno era pari solo alla profondità della loro ignoranza di economia.

 

Nell'agosto del 1917 - tre mesi prima di prendere il potere - ecco come Lenin, in Stato e Rivoluzione, caratterizzò le capacità necessarie per gestire un'economia nazionale nella "prima fase" del comunismo, quella su cui lui e i suoi associati stavano per imbarcarsi :

 

La contabilità e il controllo necessari per questo sono stati semplificati al massimo dal capitalismo, fino a quando non sono diventate le operazioni straordinariamente semplici di guardare, registrare ed emettere ricevute, alla portata di chiunque sappia leggere e scrivere e conoscere le prime quattro regole dell'aritmetica . 9

 

Nel 1919 Nikolai Bukharin, un importante "Vecchio bolscevico", scrisse, insieme a Evgeny Preobrazhensky, uno dei testi bolscevichi più letti. Era l'ABC del comunismo, un'opera che ha attraversato diciotto edizioni sovietiche ed è stata tradotta in venti lingue. Bucharin e Preobrazhensky "erano considerati i due più abili economisti del Partito". 10  Secondo loro, la società comunista è, in primo luogo, "una società organizzata", basata su un piano dettagliato e calcolato con precisione, che include l '"assegnazione" del lavoro ai vari rami della produzione. Per quanto riguarda la distribuzione, secondo questi eminenti economisti bolscevichi, tutti i prodotti saranno consegnati ai magazzini comunali, e i membri della società li disegneranno secondo i loro bisogni auto-definiti. 11

 

Le citazioni favorevoli di Bucharin sulla stampa sovietica sono ora considerate segni entusiasmanti delle glorie di glasnost e , nel suo discorso del 2 novembre 1987, Mikhail Gorbachev lo ha parzialmente riabilitato. 12 Va ricordato che Bukharin è l'uomo che scrisse: "Procederemo a una standardizzazione degli intellettuali; li fabbricheremo come in una fabbrica" 13  e che affermò, a giustificazione della tirannia leninista:

 

La coercizione proletaria, in tutte le sue forme, dalle esecuzioni al lavoro forzato, è paradossale come può sembrare, il metodo per modellare l'umanità comunista dal materiale umano del periodo capitalista. 14

 

La modellazione del "materiale umano" a loro disposizione in qualcosa di più elevato - la fabbricazione del Nuovo Uomo Sovietico, l' Homo sovieticus - era essenziale per la loro visione di tutti i milioni di individui nella società che agiscono insieme, con una mente e una volontà, 15  ed è stato condiviso da tutti i leader comunisti. Fu a tal fine, ad esempio, che Lilina, la moglie di Zinoviev, parlò della "nazionalizzazione" dei bambini, al fine di trasformarli in buoni comunisti. 16

 

Il più articolato e brillante dei bolscevichi lo ha detto in modo più chiaro e migliore. Alla fine della sua Letteratura e Rivoluzione, scritta nel 1924, Leon Trotsky pose le famose e giustamente ridicolizzate ultime righe: Sotto il comunismo, scrisse: "Il tipo umano medio salirà alle altezze di un Aristotele, un Goethe, o un Marx. E sopra questa cresta sorgeranno nuove vette ". Questa profezia abbagliante era giustificata nella sua mente, tuttavia, da ciò che aveva scritto nelle poche pagine precedenti. Sotto il comunismo, l'uomo "ricostruirà la società e se stesso in accordo con il proprio piano". La "vita familiare tradizionale" verrà trasformata, le "leggi dell'ereditarietà e della selezione sessuale cieca" saranno annullate e lo scopo dell'Uomo sarà "quello di creare un tipo sociale sociale superiore o, per piacere, un superuomo. (La citazione completa è disponibile nell'articolo su Trotsky in questo volume.)

 

Suggerisco che ciò che abbiamo qui, nella pura volontà di Trotsky e degli altri bolscevichi, nel loro bisogno di sostituire Dio, la natura e l'ordine sociale spontaneo con una pianificazione totale e consapevole da soli, è qualcosa che trascende la politica in qualsiasi senso ordinario di il termine. Può darsi che per capire ciò che è in questione dobbiamo salire ad un altro livello, e che più utile per comprenderlo rispetto alle opere dei classici economisti liberisti e teorici politici sia il superbo romanzo del grande apologista cristiano CS Lewis, That Hideous Force.

 

Ora, i cambiamenti fondamentali nella natura umana che i leader comunisti hanno intrapreso per fare richiedono, nella natura del caso, il potere politico assoluto in poche mani dirette. Durante la Rivoluzione francese, Robespierre e gli altri leader giacobini decisero di trasformare la natura umana secondo le teorie di Jean-Jacques Rousseau. Questa non era l'unica causa ma era sicuramente una delle cause del Regno del Terrore. I comunisti presto scoprirono ciò che i giacobini avevano imparato: che una simile impresa richiede che il terrore fosse eretto in un sistema di governo. 18

 

Il terrore rosso iniziò presto. Nel suo celebre discorso del novembre 1987, Gorbaciov limitò il regno comunista del terrore agli anni di Stalin e dichiarò:

 

Molte migliaia di persone all'interno e all'esterno del partito sono state sottoposte a misure repressive all'ingrosso. Tale, compagni, è l'amara verità. 19

 

Ma non è affatto questa l'amara verità. Alla fine del 1917, gli organi repressivi del nuovo stato sovietico erano stati organizzati nella Cheka, in seguito conosciuta con altri nomi, tra cui OGPU, NKVD e KGB. I vari mandati in base ai quali la Cheka operava possono essere illustrati da un ordine firmato da Lenin il 21 febbraio 1918: che uomini e donne della borghesia vengano arruolati in battaglioni di lavoro per scavare trincee sotto la supervisione delle Guardie Rosse, con "quelli che resistono a sparare ". Altri, tra cui "speculatori" e agitatori controrivoluzionari, "dovevano essere sparati sulla scena del loro crimine". A un bolscevico che si oppose alla frase, Lenin rispose: "Sicuramente non immagini che saremo vittoriosi senza applicare il più crudele terrore rivoluzionario?" 20

 

Il numero di esecuzioni di Cheka che equivaleva a un omicidio legalizzato nel periodo tra la fine del 1917 e l'inizio del 1922 - incluse né le vittime dei tribunali rivoluzionari e dell'Armata Rossa stessa né gli insorti uccisi dai Cheka - è stato stimato da 140 autorità da un'autorità. 21  Come punto di riferimento, si consideri che il numero di esecuzioni politiche sotto il regime repressivo zarista dal 1866 al 1917 era di circa quarantaquattromila, anche durante e dopo la Rivoluzione del 1905 22  (tranne che alle persone giustiziate furono accordati processi), e la cifra comparabile per il regno del terrore rivoluzionario francese era dai diciotto ai ventimila. 23 Chiaramente, con il primo stato marxista era arrivato qualcosa di nuovo nel mondo.

 

Nel periodo leninista, cioè fino al 1924, cadde anche la guerra contro i contadini che facevano parte del "comunismo di guerra" e le condizioni della carestia, culminata nella carestia del 1921, che derivava dal tentativo di realizzare il sogno marxista. La migliore stima del costo umano di tali episodi è di circa 6 milioni di persone. 24

 

Ma la colpa di Lenin e degli antichi bolscevichi - e dello stesso Marx - non finisce qui. Gorbaciov affermò che "il culto della personalità di Stalin non era certamente inevitabile".

 

"Inevitabile" è una parola grossa, ma se non fosse accaduto qualcosa di simile allo stalinismo, sarebbe stato vicino a un miracolo. Disprezzando ciò che Marx ed Engels avevano deriso come mera libertà "borghese" e giurisprudenza "borghese", 25 Lenin distrusse la libertà di stampa, abolì tutte le protezioni contro il potere della polizia e respinse ogni accenno di divisione dei poteri, controlli ed equilibri nel governo. Avrebbe risparmiato ai popoli della Russia un'immensa sofferenza se Lenin - e Marx ed Engels prima di lui - non avessero respinto così bruscamente il lavoro di uomini come Montesquieu e Jefferson, Benjamin Constant e Alexis de Tocqueville. Questi scrittori si erano preoccupati del problema di come contrastare la sempre presente spinta dello stato verso il potere assoluto. Esse stabilirono, spesso nei minimi dettagli, le disposizioni politiche necessarie, le forze sociali che dovevano essere nutrite per evitare la tirannia. Ma per Marx e i suoi seguaci bolscevichi, questo non era altro che "ideologia borghese" obsoleto e senza rilevanza per la futura società socialista. Qualsiasi traccia di decentralizzazione o divisione del potere, il minimo suggerimento di una forza compensativa all'autorità centrale dei "produttori associati", andava direttamente in contrasto con la visione della pianificazione unitaria dell'intera vita sociale.26

 

Il bilancio tra i contadini fu ancora maggiore sotto la collettivizzazione di Stalin 27  e la carestia del 1933, questa volta deliberata, volta a terrorizzare e schiacciare i contadini, specialmente dell'Ucraina. Non conosceremo mai la piena verità di questo crimine demoniaco, ma sembra probabile che forse 10 o 12 milioni di persone abbiano perso la vita a causa di queste politiche comuniste - altrettanti o più del totale di tutti i morti in tutti gli eserciti in la prima guerra mondiale. 28

 

Uno è sbalordito. Chi avrebbe potuto immaginare che in pochi anni ciò che i comunisti avrebbero dovuto fare in Ucraina avrebbe potuto competere con le spaventose macellerie della prima guerra mondiale: Verdun, Somme, Passchendaele?

Sono morti all'inferno, l'hanno chiamato Passchendaele.

 

Ma quale parola usare, allora, per ciò che i comunisti hanno fatto dell'Ucraina?

 

Vladimir Grossman, un romanziere russo che ha sperimentato la carestia del 1933, ne ha scritto nel suo romanzo Forever Flowing , pubblicato in Occidente. Un testimone oculare della carestia in Ucraina ha dichiarato:

 

Poi ho capito che la cosa principale per il potere sovietico è il Piano. Soddisfa il piano ... I padri e le madri hanno cercato di salvare i loro figli, per salvare un po 'di pane, e gli è stato detto: odi il nostro paese socialista, vuoi rovinare il piano, sei parassiti, kulak, demoni, rettili. Quando hanno preso il grano, hanno detto ai membri del kolkhoz [fattoria collettiva] che sarebbero stati alimentati dal fondo di riserva. Hanno mentito. Non darebbero grano agli affamati. 29

 

I campi di lavoro per "nemici di classe" erano già stati istituiti sotto Lenin, già nell'agosto 1918. 30  Furono ampiamente ampliati sotto il suo successore. Alexander Solzhenitsyn li ha confrontati con un arcipelago sparso attraverso il grande mare dell'Unione Sovietica. I campi crescevano e crescevano. Chi è stato inviato lì? Tutti con persistenti sentimenti zaristi e membri recalcitranti delle classi medie, liberali, menscevichi, anarchici, sacerdoti e laici della Chiesa ortodossa, battisti e altri dissidenti religiosi, "demolitori", sospetti di ogni descrizione, quindi "kulak" e contadini di le centinaia di migliaia.

 

Durante la Grande Purga della metà degli anni '30, i burocrati e gli stessi intellettuali comunisti furono vittime e, a quel punto, un certo pensatore in Occidente iniziò a notare per la prima volta i campi e le esecuzioni. Altre masse di esseri umani furono inviate dopo le annessioni della Polonia orientale e degli stati baltici; poi i prigionieri di guerra nemici, le "nazionalità nemiche" interne e i prigionieri di guerra sovietici di ritorno (visti come traditori per essersi arresi), che si riversarono nei campi dopo il 1945 - secondo le parole di Solzhenitsyn, "vasti banchi grigi densi come le aringhe oceaniche. " 31

 

Il più noto dei campi era Kolyma, nella Siberia orientale, in realtà un sistema di campi quattro volte più grande della Francia. Lì il tasso di mortalità potrebbe essere stato del 50 percento all'anno 32 e il numero di decessi era probabilmente dell'ordine di 3 milioni. Continua all'infinito. Nel 1940 ci fu Katyn e l'omicidio degli ufficiali polacchi; nel 1952, i leader della cultura yiddish nell'Unione Sovietica furono liquidati in massa 33, entrambi caduti nel secchio per Stalin. Durante le Purghe vi furono probabilmente circa 7 milioni di arresti e uno su dieci fu arrestato. 34

 

Quanti sono morti del tutto? Nessuno lo saprà mai. Quel che è certo è che l'Unione Sovietica è stata la peggiore ciminiera puzzolente di tutto il terribile ventesimo secolo, peggio anche di quella creata dai nazisti (ma poi avevano meno tempo). 35 La somma totale dei decessi dovuti alla politica sovietica - solo nel periodo di Stalin - decessi dovuti alla collettivizzazione e alla carestia terroristica, alle esecuzioni e al Gulag, è probabilmente dell'ordine di 20 milioni. 36

 

Come glasnost procede e questi punti di riferimento della storia sovietica vengono scoperti ed esplorati in misura maggiore o minore, si spera che Gorbaciov e i suoi seguaci non mancheranno di puntare un dito accusatore verso l'Occidente per la parte che ha giocato nel mascherare questi crimini. Mi riferisco al vergognoso capitolo della storia intellettuale del ventesimo secolo che coinvolge i compagni di viaggio del comunismo sovietico e le loro scuse per lo stalinismo. Gli americani, in particolare gli studenti universitari americani, hanno preso confidenza con i torti del maccartismo nella nostra storia. Questo è come dovrebbe essere. Le molestie e l'umiliazione pubblica di innocenti persone private sono iniqui, e il governo degli Stati Uniti deve sempre essere tenuto agli standard stabiliti dalla Bill of Rights.37 e mentì ed eluse la verità per proteggere la patria del socialismo, mentre milioni furono martirizzati. Non solo George Bernard Shaw, 38  Sidney e Beatrice Webb, Harold Laski e Jean-Paul Sartre, ma, ad esempio, il corrispondente di Mosca del New York Times, Walter Duranty, che disse ai suoi lettori, nell'agosto 1933, al culmine della carestia:

 

Qualsiasi denuncia di carestia in Russia è oggi un'esagerazione o propaganda maligna. La carenza di cibo che ha colpito quasi l'intera popolazione nell'ultimo anno e in particolare nelle province produttrici di grano - l'Ucraina, il Caucaso settentrionale, la regione del basso Volga - ha tuttavia causato gravi perdite di vite umane. 39

 

Per i suoi rapporti "oggettivi" dall'Unione Sovietica, Duranty ha vinto un premio Pulitzer. 40

 

Oppure - per prendere un altro compagno di viaggio praticamente a caso - dovremmo tenere a mente il prezioso lavoro di Owen Lattimore della Johns Hopkins University. Il professor Lattimore visitò Kolyma nell'estate del 1944, aiutando il vicepresidente degli Stati Uniti Henry Wallace. Ha scritto un rapporto brillante sul campo e sul suo capo guardiano, il comandante Nikishov, per il National Geographic. 41  Lattimore ha paragonato Kolyma a una combinazione di Hudson's Bay Company e TVA. 42 Il numero degli influenti compagni di viaggio americani era, in effetti, una legione, e non riesco a pensare a nessun principio morale che giustifichi il nostro dimenticare ciò che hanno fatto e ciò che hanno fatto in aiuto.

 

Nel suo discorso del 2 novembre, Gorbaciov dichiarò che Stalin era colpevole di "crimini enormi e imperdonabili" e annunciò che una commissione speciale del Comitato Centrale doveva preparare una storia del partito comunista dell'Unione Sovietica che riflettesse la realtà di Stalin regola. Andrei Sakharov ha chiesto la piena divulgazione di "l'intera, terribile verità di Stalin e della sua epoca". 43 Ma i leader comunisti possono davvero permettersi di dire tutta la verità? Al ventesimo congresso del partito del 1956, Nikita Krusciov rivelò la punta dell'iceberg dei crimini stalinisti e la Polonia si alzò e lì ebbe luogo l'immortale Rivoluzione ungherese, quando lo fecero

alte azioni in Ungheria


Per superare la credenza di tutti gli uomini.

 

Cosa significherebbe rivelare l'intera verità? I leader comunisti potrebbero ammettere, ad esempio, che durante la seconda guerra mondiale "le perdite inflitte dallo stato sovietico al suo stesso popolo erano in concorrenza con i tedeschi che potevano infliggere sul campo di battaglia"? Che "i campi di concentramento nazisti erano versioni modificate degli originali sovietici", la cui evoluzione la leadership tedesca aveva seguito con una certa cura? In breve, "l'Unione Sovietica non è solo lo stato killer originale, ma quello modello"? 44  Se lo facessero, quali potrebbero non essere le conseguenze questa volta?

 

Ma il fatto che le vittime del comunismo sovietico non possano mai essere pienamente riconosciute nelle loro terre d'origine è una ragione in più per cui, in termini di giustizia storica, noi occidentali dobbiamo sforzarci di mantenere viva la loro memoria.

 

Questo saggio è stato originariamente pubblicato nel 1988 dal Cato Institute di Washington, DC. È raccolto in Great Wars and Great Leaders (2010), cap. 4: "Sogni marxisti e realtà sovietiche".

 

Copyright © 2012 dell'Istituto Ludwig von Mises. L'autorizzazione a ristampare in tutto o in parte è concessa, a condizione che sia dato credito completo.

 

  • 1.Alexis de Tocqueville,  Democrazia in America,  vol. 1 (New York: Vintage, 1945), p. 452.
  • 2."L'enumerazione nella Costituzione di alcuni diritti non deve essere interpretata per negare o denigrare gli altri trattenuti dal popolo". Inutile dire che il governo degli Stati Uniti raramente è stato all'altezza del suo credo proclamato, o qualcosa di simile ad esso.
  • 3.VI Lenin,  cosa si deve fare? Burning Questions of Our Movement  (New York: International Publishers, 1929).
  • 4.Alienazione ed economia sovietica: verso una teoria generale dell'alienazione marxiana, dei principi organizzativi e dell'economia sovietica  (Albuquerque: University of New Mexico Press, 1971) e (con Matthew A. Stephenson)  Teoria di scambio, alienazione di Marx e Crisis  (Stanford, CA: Hoover Insitution Press, 1973).
  • 5.Karl Marx,  Capital: A Critical of Political Economy,  vol. 3, ed. Friedrich Engels (New York: International Publishers, 1967), pag. 820.
  • 6.Friedrich Engels, "Socialismo: utopico e scientifico", in Karl Marx e Friedrich Engels,  opere selezionate  (Mosca: Progress Publishers, 1968), p. 432.
  • 7.Vedi, ad esempio, Michael Bakunin, "Marx, il Bismarck del socialismo", in Leonard I. Krimerman e Lewis Perry, ed.,  Patterns of Anarchy. A Collection of Writings in the Anarchist Tradition  (Garden City, NY: Anchor / Doubleday, 1966), pagg. 80–97, in particolare p. 87. Per una discussione dei problemi teorici implicati in un'analisi di "nuova classe" della società sovietica e una critica del tentativo di James Burnham di generalizzare l'interpretazione alle società non marxiste, vedi Leszek Kolakowski,  Principali correnti del marxismo,  trans. PS Falla, vol. 3,  The Breakdown,  (Oxford: Oxford University Press, 1981), pagg. 157–66.
  • 8.Vedi Max Nomad,  Political Heretics  (Ann Arbor: University of Michigan Press, 1968), pagg. 238–41. Inoltre, Jan Waclav Makaïske,  Le socialisme des intellectuels , ed. Alexandre Skirda (Parigi: Editions du Seuil, 1979).
  • 9.VI Lenin,  State and Revolution  (New York: International Publishers, 1943), pagg. 83–84.
  • 10.Sidney Heitman, nella "Nuova introduzione" (non immaginato) a N. Bukharin e E. Preobrazhensky, L'ABC del comunismo (Ann Arbor: University of Michigan Press, 1966).
  • 11.Ibid ., Pagg. 68–73.
  • 12.New York Times, n. 3, 1987.
  • 13.David Caute, The Left in Europe Since 1789 (New York: McGraw-Hill, 1966), pag. 179.
  • 14.Ibid., P. 112.
  • 15."Il compito principale dei padri della Rivoluzione d'Ottobre era la creazione dell'Uomo Nuovo, Homo sovieticus ", Michel Heller e Aleksandr Nekrich, L'utopie au pouvoir: Histoire de l'URSS de 1917 á nos jours (Parigi: Calmann-Lévy, 1982), pag. 580. Per quanto riguarda il risultato, Kolakowski afferma: "Lo stalinismo ha davvero prodotto" il nuovo uomo sovietico ": uno schizofrenico ideologico, un bugiardo che credeva in ciò che stava dicendo, un uomo capace di incessanti, atti volontari di automutilazione intellettuale". Kolakowski, vol. 3, p. 97.
  • 16.Heller e Nekrich, pag. 50.
  • 17.Leon Trotsky, Literature and Revolution (Ann Arbor: University of Michigan Press, 1971), pagg. 246, 249, 254–56. Bucharin intratteneva allo stesso modo assurde nozioni collettiviste-prometeiche di successo socialista. Dichiarò, nel 1928 (quando il dominio di Stalin era già evidente): "Stiamo creando e creeremo una civiltà rispetto alla quale il capitalismo avrà lo stesso aspetto di un'aria giocata su un kazoo alla Sinfonia Eroica di Beethoven". Heller e Nekrich, pag. 181.
  • 18.Cfr. JL Talmon, The Origins of Totalitarian Democracy (London: Mercury Books, 1961).
  • 19.New York Times, 3 novembre 1987.
  • 20.George Leggett, The Cheka: Lenin's Political Police (Oxford: Clarendon Press, 1981), pagg. 56–57.
  • 21.Ibid ., Pagg. 466-67.
  • 22.Ibid ., P. 468. La grande maggioranza di questi avvenne a seguito della rivolta rivoluzionaria del 1905.
  • 23.Samuel F. Scott e Barry Rothaus, eds., Dizionario storico della rivoluzione francese, 1789–1799, LZ (Westport, Conn .: Greenwood Press, 1985), p. 944.
  • 24.Robert Conquest, Harvest of Sorrow: Soviet Collectivization and the Terror-Famine (New York: Oxford University Press, 1986), pagg. 53–55.
  • 25.Karl Marx e Friedrich Engels, Il manifesto comunista , in Opere selezionate, p. 49.
  • 26.Sotto la responsabilità di Marx, Kolakowski (vol. 3, pp. 60–61) scrive: "Ha indubbiamente creduto che la società socialista sarebbe stata una unità perfetta, in cui i conflitti di interesse sarebbero scomparsi con l'eliminazione delle loro basi economiche in privato proprietà. Questa società, pensò, non avrebbe avuto bisogno di istituzioni borghesi come organi politici rappresentativi ... e regole di legge che salvaguardassero le libertà civili. Il dispotismo sovietico era un tentativo di applicare questa dottrina ". Vedi anche ibid., P. 41.
  • 27.La "guerra contro la nazione" - la collettivizzazione forzata di Stalin - non fu il prodotto di un cinico pazzo di potere. Come ha sostenuto Adam Ulam, "Stalin era raramente cinico ... Era sincero e ossessionato". La sua ossessione era il marxismo-leninismo, la scienza della società che indica infallibilmente la strada verso la totale libertà umana. Se la realtà si rivelasse refrattaria, allora la causa doveva essere "i demolitori" - intere categorie e classi di persone impegnate in sabotaggi deliberati. Sicuramente, il sogno marxista non poteva essere in colpa. Adam Ulam, Stalin. The Man and His Era (Boston: Beacon Press, 1973), pagg. 300–01.
  • 28.Conquista, Raccolta del dolore, pagg. 299–307. Il terribile anno di carestia fu il 1933; in seguito furono fatte delle concessioni al contadino: un terreno di mezzo acro che poteva lavorare per se stesso e il diritto di vendere i raccolti sul mercato dopo che la quota dello stato era stata raggiunta. Stalin, tuttavia, rimproverò queste "concessioni" all '"individualismo". Ulam, pagg. 350–52.
  • 29.Citata in ibid ., P. 346.
  • 30.Héléne Carrére d'Encausse, Stalin: Order Through Terror , trans. Valence Ionescu (Londra e New York: Longman, 1981), pp. 6-7.
  • 31.Aleksandr I. Solzhenitsyn, The Gulag Archipelago, 1918-1956. Un esperimento di ricerca letteraria, vols. 1-2.
  • 32.Nikolai Tolstoy, Stalin's Secret War (New York: Holt, Rinehart e Winston, 1981), p. 15.
  • 33.David Caute, I compagni di viaggio. Un Postscript to the Enlightenment (New York: Macmillan, 1973), p. 286.
  • 34.Robert Conquest, The Great Terror: Stalin's Purge of the Thirties (New York: Macmillan, 1968), p. 527.
  • 35.Dovrebbe essere ovvio che, nella logica e nella giustizia, l'enumerazione dei crimini sovietici non può in alcun modo escludere qualsiasi altro stato - ad esempio qualsiasi democrazia occidentale - per i crimini che ha commesso o sta commettendo.
  • 36.Conquista, Il grande terrore, pagg. 525–35, in particolare p. 533. Caute, The Fellow-Travelers, p. 107, stima le morti nei campi tra il 1936 e il 1950 a 12 milioni. Aggiunge che "le politiche di Stalin potrebbero aver causato venti milioni di morti". Ibid ., P. 303.
  • 37.Caute, The Fellow-Travelers, p. 259.
  • 38.George Bernard Shaw, ad esempio, ha espresso il suo disprezzo per coloro che hanno protestato quando l'Unione Sovietica "liquidava con giudizio una manciata di sfruttatori e speculatori per rendere il mondo sicuro per gli uomini onesti". Ibid ., P. 113.
  • 39.Citato da Eugene Lyons, "The Press Corps Conceals a Famine", in Julien Steinberg, ed., Verdict of Three Decades. Dalla letteratura della rivolta individuale contro il comunismo sovietico, 1917-1950 (New York: Duell, Sloan e Pearce, 1950), pp. 272–73.
  • 40.Conquista, Raccolta del dolore, pagg. 319–20. Come menziona Conquest, dal 1983 il New York Times ha ancora elencato il Premio Pulitzer di Duranty tra gli onori del giornale. Se il reporter del Times e altri corrispondenti mentivano in modo così sprezzante sulle condizioni della Russia sovietica e sulle loro cause, tuttavia, presto altri stavano dicendo la verità: Eugene Lyons e William Henry Chamberlin pubblicarono articoli e libri che descrivevano, per esperienza personale, ciò che Chamberlin chiamava "organizzato carestia "che era stata usata come arma contro i contadini ucraini. Vedi William Henry Chamberlin, "La morte nei villaggi", a Steinberg, p. 291.
  • 41.Caute, The Fellow-Travelers, p. 102.
  • 42.Conquest, The Great Terror, p. 354.
  • 43.New York Times, 7 novembre 1987.
  • 44.Nick Eberstadt, Introduzione a Iosif G. Dyadkin, Unnatural Deaths in the USSR, 1928-1954 (New Brunswick, NJ e London: Transaction Books, 1983), pagg.8, 4.

 

https://mises.org/library/marxist-dreams-and-soviet-realities?utm_source=Mises+Institute+Subscriptions&utm_campaign=d0e0f2e34a-EMAIL_CAMPAIGN_9_21_2018_9_59_COPY_01&utm_medium=email&utm_term=0_8b52b2e1c0-d0e0f2e34a-228753073

 

Autore:

Ralph Raico

Ralph Raico (1936–2016) era professore emerito di storia europea al Buffalo State College e membro anziano del Mises Institute. Era uno specialista della storia della libertà, della tradizione liberale in Europa e delle relazioni tra la guerra e l'ascesa dello stato. È autore di The Place of Religion in the Liberal Philosophy of Constant, Tocqueville e Lord Acton .

 

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.