| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Stop wasting time looking for files and revisions. Connect your Gmail, DriveDropbox, and Slack accounts and in less than 2 minutes, Dokkio will automatically organize all your file attachments. Learn more and claim your free account.

View
 

I marcioniti sono fra noi

Page history last edited by Paolo E. Castellina 6 months, 2 weeks ago

I Marcioniti sono fra noi: un avvertimento per gli evangelici

 

Risultato immagini per Marcione

Quando uno chiede quali siamo i pensatori più influenti della moderna chiesa evangelica, si possono citare nomi come Jim Packer, John Stott e Don Carson.

 

Vorrei suggerire, tuttavia, che ce n'è uno la cui influenza è forse molto più grande di quello che penseremmo, eppure il cui pensiero pervade quasi la moderna chiesa evangelica: Marcione.  È l'uomo che ottiene il mio voto per la più profonda influenza sull'evangelismo, dal canone alla teologia alle pratiche di adorazione. Non vedrai mai i suoi libri sugli scaffali della tua libreria cristiana di strada; non lo vedrai mai citato nelle predicazioni nella tua chiesa locale; ma, state tranquilli, il suo spirito insegue quelle librerie e pulpiti.

 

Marcione è - o meglio, era - una figura un po 'oscura, con la maggior parte di ciò che sappiamo di lui proveniente dalla penna ostile di Tertulliano. Apparentemente, era un nativo del Ponto (nei tempi moderni, l'area del Mar Nero), che fiorì a metà del secondo secolo, morendo intorno al 160. Il suo principale tratto distintivo era la sua insistenza sul vangelo cristiano come esclusivamente "amore" tanto da giungere a un completo rifiuto dell'Antico Testamento e solo a un'accettazione qualificata di quelle parti del Nuovo Testamento che considerava coerenti con la sua tesi centrale (cioè dieci lettere di Paolo e una recensione del Vangelo di Luca ).

 

In che modo Marcione influenza l'evangelismo moderno? Bene, penso che l'evangelizzazione sia diventata praticamente marcionita a vari livelli.

 

Solo "amore"?

 

Innanzitutto, l'enfasi sull'amore di Dio alla totale esclusione di ogni altra cosa è diventata una cosa comune. Lo vediamo nel crollo della nozione di sostituzione penale come dottrina evangelica. Ora, forse mi sfugge qualcosa, ma di tutte le cose insegnate nella Bibbia, la terribile ira di Dio sembrerebbe essere tra le più evidenti di tutte.

 

Quindi, quando ascolto dichiarazioni di teologi evangelici come "L'ira di Dio è sempre riparatrice", la mia mente va dritta verso innumerevoli passaggi OT, l'insegnamento della Bibbia su Satana e personaggi di NT come Anania e Saffira. Non c'è modo di ricuperare questi personaggi - sono stati ingoiati vivi dalla terra, consumati dal fuoco santo e colpiti a morte per aver imbrogliato la chiesa proponendo tecniche terapeutiche intese a ripristinare le persone interessate?

 

E quando i principali evangelici mi dicono che la sostituzione penale equivale all'abuso cosmico dell'infanzia (non ridere - questo è seriamente sostenuto da alcuni importanti teologi evangelici), mi viene da chiedermi se dovrei sedermi e spiegare loro la dottrina, oppure se dovrei semplicemente dire loro di andare via e crescere. Si aspettano davvero che la chiesa prenda tali affermazioni come una seria riflessione teologica?

 

Basta con l'Antico? 

 

Poi c'è la tendenza costante a trascurare l'Antico Testamento, in particolare nelle nostre riflessioni teologiche, e anche le nostre vite devozionali che dovrebbero tenere pienamente conto dell'Antico Testamento. Dobbiamo leggere la Bibbia nel suo insieme, comprendere ogni passaggio, ogni verso, all'interno della struttura teologica e narrativa del canone nel suo insieme.

 

Come evangelici possiamo spesso sbagliare concentrandoci esclusivamente sull'insegnamento dottrinale diretto delle lettere nel NT e sui grandi passaggi del Vangelo di Giovanni. Uno studioso e amico di NT una volta mi disse che pensava che la vita dell'evangelico medio sarebbe stata praticamente inalterata se l'intera Bibbia, ad eccezione del Vangelo di Giovanni e della Lettera ai Romani, fosse semplicemente scomparsa. Iperbole forse, ma probabilmente non di molto. Abbiamo bisogno di una solida teologia biblica - non una che riduca tutto al livello dell'economia a spese dell'ontologia, ma che tenga pienamente conto della narrativa centrale della Bibbia e cerchi di rendere giustizia anche a quei frammenti della Bibbia che non indossiamo ' mi piace.

 

I canti di Dio 

 

Quindi, nella nostra pratica di chiesa, dobbiamo prendere più seriamente l'Antico Testamento. Mi sorprende, dato l'uso schiacciante dei Salmi come centrale per il culto riunito nei primi quattro secoli, l'importanza assoluta data alla salmodia nei primi due secoli delle chiese riformate post-Riforma e il fatto che il Libro dei Salmi è il solo un libro di inni che può affermare di essere universale nella sua accettazione da parte di tutta la cristianità e completamente ispirato in tutte le sue affermazioni - mi stupisce, dico io, che così pochi salmi siano cantati nei nostri servizi di adorazione oggi. Inoltre, spesso nulla sembra guadagnare il disprezzo e la derisione degli altri più del suggerimento di cantare maggiormente i salmi nel culto. In effetti, negli ultimi anni un certo numero di scrittori si è battuto contro la salmodia esclusiva. Dato che la vita è troppo breve per impegnarsi in inutili polemiche, mi viene da chiedermi da quale universo parallelo provengano questi ragazzi, dove il problema più urgente e pericoloso dell'adorazione è chiaramente che le persone cantano troppo della Bibbia nei loro culti... Che prospettiva terrificante sarebbe.

 

Immagina: le persone in realtà cantano cantii che esprimono tutta la gamma delle emozioni umane nella loro adorazione usando parole di cui Dio ha esplicitamente detto: "Queste sono mie". Di nuovo qui sul Pianeta Terra, tuttavia, vi sono generalmente poche possibilità preziose di sovraccaricare la sana teologia del canto nella maggior parte delle chiese evangeliche, poiché l'invasione dei marcioniti è praticamente totale e senza opposizione nella sfera del culto. Eppure io per primo preferisco Atanasio a Marcione come pensatore patristico e, nella sua lettera a Marcellino, dà uno degli argomenti più belli e commoventi per i salmi in adorazione mai scritti (disponibile su www.athanasius.com/psalms/ aletterm.htm). È un peccato che altri non abbiano preso a cuore le sue parole

 

Rendere Dio inconoscibile

 

Quindi quali saranno le conseguenze a lungo termine di questo approccio marcionita alla Bibbia? In definitiva, penso che spingerà "il Dio che è lì" di nuovo nel regno dell'inconoscibile e renderà il nostro Dio una semplice proiezione della nostra psicologia e della nostra adorazione semplicemente in sessioni di terapia di gruppo in cui tutti ci riuniamo per fingere di sentirci grandi. Dio è il Dio di Abramo, Isacco e Giacobbe: togli quell'identità e cosa ci rimane? Poiché l'AT è il contesto per NT, così la negligenza dell'AT lascia il NT come più o meno insignificante. Mentre la nostra lettura, i nostri sermoni e i nostri tempi di adorazione comunitaria trascurano e, a volte, semplicemente ignorano l'AT, possiamo aspettarci un impoverimento generale della vita della chiesa e, infine, un crollo totale della cristianità evangelica.

 

In effetti, ci sono mattine quando mi sveglio e penso che sia già tutto finito, e che la chiesa in Occidente sopravviva più per pura forza di personalità, per clamore e marketing, piuttosto che per qualsiasi potere superiore. Dobbiamo ancora una volta capire chi è Dio nella sua pienezza; dobbiamo capire chi siamo in relazione a lui; e abbiamo bisogno dell'insegnamento e dell'adorazione che danno piena espressione a queste cose - e questo avverrà solo quando in Occidente cresceremo, abbandoneremo gli dei designer che costruiamo dalla nostra Bibbia pick-n-mix dove il consumatore, non il Creatore, è re, e assegna a tutta la Bibbia il proprio posto nella nostra vita, pensiero e adorazione.

 

Pensa a pensieri troncati su Dio e otterrai un Dio troncato; leggi una Bibbia espurgata e ottieni una teologia espurgata; canta spazzatura superficiale e insensata invece delle lodi profonde, veramente emotive e alla fine diventerai ciò che canti.

 

Carl Trueman è professore di teologia al Seminario teologico di Westminster, negli Stati Uniti. Questo articolo è adattato dall'editoriale di Carl in Themelios Vol. 28 n. 1

https://www.monergism.com/marcions-have-landed-warning-evangelicals

 

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.